Roma: una piazza per i diritti umani - Amnesty International Italia

Roma: una piazza per i diritti umani

8 dicembre 2015

Tempo di lettura stimato: 3'

Il 10 dicembre 2015, alle ore 12:00, in occasione del 67° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani e nell’anno della celebrazione del 40esimo anniversario di Amnesty International Italia, il Gruppo Italia 251 di Roma EUR dell’associazione e il Municipio Roma IX inaugureranno ‘Largo Peter Benenson (1921-2005) – Fondatore di Amnesty International’, posto nello spazio antistante la sala consiliare del Municipio RM IX.

Seguirà, nella Sala Consiliare, un incontro pubblico sui diritti umani cui parteciperanno: Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, Andrea Santoro, presidente del Municipio RM IX e Laura Crivellaro, assessora alla Cultura e ai diritti del Municipio RM IX. Verrà inoltre proiettato un breve filmato sulla storia e sulle attività di Amnesty International in difesa dei diritti umani in Italia e nel mondo.

Assisteranno alla cerimonia gli insegnanti e gli studenti di alcune classi delle scuole medie del Municipio che seguono percorsi di educazione ai diritti umani organizzati da Amnesty International.

Aprite il vostro giornale ogni giorno della settimana e troverete la notizia che da qualche parte del mondo qualcuno viene imprigionato, torturato o ucciso perché le sue opinioni o la sua religione sono inaccettabili per il suo governo‘ (Peter Benenson)

Così iniziava un articolo pubblicato il 28 maggio 1961 sul quotidiano The Observer, scritto dall’avvocato londinese Peter Benenson, dopo aver appreso la notizia che due studenti portoghesi erano stati condannati a sette anni di prigione per aver brindato alla libertà.

Amnesty International è nata da questo articolo, ripreso nei giorni successivi da molti giornali, e dalla campagna per i prigionieri dimenticati che ne seguì. Da allora, le attiviste e gli attivisti di Amnesty International, insieme a tutte le persone che la sostengono economicamente, hanno cambiato la vita di migliaia di persone, ridando loro libertà e speranza.