Russia: fare giustizia per gli attivisti assassinati! - Amnesty International Italia

Russia: fare giustizia per gli attivisti assassinati!

19 gennaio 2010

Tempo di lettura stimato: 4'

Russia: necessario fare giustizia per gli attivisti assassinati

(19 gennaio 2010)

Un anno dopo l’assassinio dell’avvocato per i diritti umani Stanislav Markelov e della giornalista Anastasia Baburova, Amnesty International ha reiterato le sue richieste alle autorità russe di porre fine alla persecuzione degli attivisti per i diritti umani e sottoporre i responsabili a un equo processo.
 
Gli omicidi, commessi nell’ultimo anno, di diversi attivisti per i diritti umani e di esponenti della società civile molto noti nonché l’incapacità di portare dinanzi alla giustizia i responsabili degli assassinii commessi negli anni precedenti dimostrano che non esiste alcun rispetto per il lavoro degli attivisti per i diritti umani in Russia‘- ha dichiarato Halya Gowan, direttrice del Programma Europa e Asia centrale di Amnesty International.

Stanislav Markelov e Anastasia Baburova, come le loro colleghe e amiche strette Anna Politkovskaya e Natalia Estemirova, avevano denunciato le violazioni dei diritti umani. Per questo gran parte dei loro diritti sono stati violati, compreso quello alla vita‘.

Stanislav Markelov è stato ucciso nel centro di Mosca il 19 gennaio 2009, dopo aver preso parte a una conferenza stampa nel corso della quale aveva annunciato l’intenzione di presentare appello contro il prematuro rilascio di un ex colonnello russo, arrestato per l’omicidio di una ragazza cecena.

Anastasia Baburova, giornalista della testata Novaya Gazeta, che aveva accompagnato Markelov, è stata gravemente ferita nel tentativo di fermare l’assassino. È morta poco dopo in ospedale.


Nel novembre del 2009, due persone sono state arrestate e accusate di entrambi gli omicidi. Uno degli accusati, Nikita Tikhonov, è sospettato dell’assassinio di un giovane antifascista, che era rappresentato da Markelov.

A gennaio, è emerso che la confessione di Nikita Tikhonov sarebbe stata estorta; ha dichiarato che  l’aveva resa perché  pressato.

Natalia Estemirova, esponente dell’organizzazione per i diritti umani  Memorial, a Gronzny in Cecenia, è stata rapita e uccisa nel luglio 2009.

La giornalista Anna Politkovskaya è stata uccisa il 7 ottobre 2006 a  Mosca. Aveva subito intimidazione e minacce da parte delle autorità russe e cecene, a causa delle sue aperte critiche nei confronti delle scelte politiche e delle azioni del governo.

Nessuno degli assassini è stato portato dinanzi alla giustizia.

Gli  attivisti per i diritti umani parlano in nome delle vittime di gravi violazioni dei diritti umani e portano alla luce gli abusi che hanno subito. Hanno solo le parole per combattere le violazioni dei diritti umani e queste parole non devono essere fermate dalle pallottole‘ – ha concluso Halya Gowan.