San Valentino: Amnesty International aderisce a One Billion Rising per dire 'basta' alla violenza contro le donne - Amnesty International Italia

San Valentino: Amnesty International aderisce a One Billion Rising per dire ‘basta’ alla violenza contro le donne

14 febbraio 2013

Tempo di lettura stimato: 4'

In occasione del 14 febbraio, giorno di San Valentino, Amnesty International Italia aderisce, prendendo parte a numerosi eventi in programma in Italia, a One Billion Rising, un’iniziativa della campagna ‘V-Day’ che intende mobilitare un miliardo di donne e uomini in tutto il mondo per dimostrare la forza e la solidarietà collettive a sostegno dell’eliminazione della violenza contro le donne e le ragazze.
Il 14 febbraio, un miliardo di persone scenderà nelle piazze e nelle strade di oltre 190 paesi nel mondo e, ballando, chiederà di porre fine alla violenza contro le donne.

Secondo la vicepresidente della Commissione europea Viviane Reding, responsabile per la Giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza, in Europa una donna su cinque ha ‘subito violenza’ e una su 10 ha ‘subito violenza sessuale’. In un video a sostegno dell’iniziativa One Billion Rising, Reding ha sottolineato che la violenza contro le donne un’inaccettabile ‘manifestazione brutale della disuguaglianza di genere’, oltre che una ‘violazione dei diritti umani’.

In Italia, resta centrale la lotta alla violenza sessuale e alla violenza domestica, che sono fenomeni ancora poco denunciati e quindi in larga parte invisibili. La violenza contro le donne sta causando un crescente numero di uccisioni di donne per motivi di violenza misogina: sono oltre 100 le donne che ogni anno, negli ultimi 10 anni, sono state uccise per mano di un uomo e nella metà dei casi il colpevole era il partner o un ex partner.

L’Italia è chiamata a un impegno serio e determinato per dare attuazione alle raccomandazioni contenute nel rapporto sull’Italia della Relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne, pubblicato nel 2012. In particolare per contrastare adeguatamente queste violazioni dei diritti umani, le istituzioni italiane devono ratificare al più presto la Convenzione di Istanbul.

Fermare la violenza contro le donne è una delle 10 richieste contenute nell’Agenda per i diritti umani in Italia che, in vista delle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio, Amnesty International Italia sta indirizzando ai leader delle forze politiche e a tutti i candidati delle circoscrizioni elettorali, nell’ambito della sua campagna ‘Ricordati che devi rispondere. L’Italia e i diritti umani’.

One Billion Rising è un’iniziativa organizzata nell’ambito della campagna ‘V-Day’ lanciata da Eve Ensler, attivista e autrice della piece teatrale ‘I monologhi della vagina’.

Per ulteriori informazioni sull’iniziativa One Billion Rising: http://onebillionrising.org/

L’Agenda in 10 punti per i diritti umani in Italia è disponibile sul sito www.ricordatichedevirispondere.it, assieme a un appello che consente di aderire alle 10 richieste di Amnesty International, già firmato da quasi 18.000 persone.

Guarda il video messaggio della vicepresidente della Commissione europea Viviane Reding

http://youtu.be/YMImQYmNizQ

 

FINE DEL COMUNICATO                                                                     Roma, 13 febbraio 2013

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it