Seconda edizione del "Festival dei diritti umani" a Milano

Seconda edizione del “Festival dei diritti umani” a Milano

3 maggio 2017

Tempo di lettura stimato: 4'

Torna dal 2 al 7 maggio presso la Triennale di Milano il “Festival dei diritti umani” organizzato da Reset-Diritti Umani: l’evento che quest’anno affronta il tema della libertà di stampa gode del patrocinio di Amnesty International.

Il programma

Ricco il programma di eventi e iniziative organizzati in cinque formati differenti: Edu, Talk, Doc, Book, Film. 19 i documentari a concorso 5 première cinematografiche, con 70 ospiti da 40 Paesi e 2500 studenti.

Corriamo per i diritti umani

Venerdì 5 maggio, prendendo spunto dal film “Free to run” di Pierre Morath (Svizzera/Francia/Belgio 2016, 100’), che racconta la corsa come strumento di emancipazione, è in programma una corsa in notturna.

La partenza è prevista alle ore 23 all’ingresso della Triennale di Milano (ritrovo ore 22.30), il percorso si svolge attorno al Parco Sempione con arrivo entro la mezzanotte.

I corridori gareggiano tenendo dei bastoncini luminosi rossi e 10 tipi diversi di cartoline, ciascuna dedicata a un caso di repressione dei diritti a livello globale, indicati da Amnesty International, con il volto della persona disegnata da Gianluca Costantini. I partecipanti alla corsa sono invitati a farsi un selfie tenendo in mano la cartolina scelta a dimostrazione del sostegno, come una sorta di #iosono.

Alla corda partecipano il regista, storico, giornalista ed ex atleta Pierre Morath, e i ragazzi richiedenti asilo del Centro Accoglienza Straordinaria di via Corelli, che gareggiano assieme all’associazione NoWalls, al Gruppo Sportivo Tassisti milanesi e ai preparatori atletici di Almostthere. Con questa grande squadra ci sarà anche Danilo Goffi, maratoneta azzurro plurimedagliato ad Olimpiadi, Mondiali ed Europei.

L’evento è organizzato in collaborazione con Amnesty International e NoWalls.

 

L’intervento di Padre Solalinde

Tra gli altri appuntamenti si segnala quello del 6 maggio alle 17 il dibattito dal titolo “Narcocrazia”. Ospite speciale Padre Solalinde, sacerdote messicano minacciato dai narcos.

Il ricordo di Andrea Rocchelli e Andrej Mironov

Il festival dedica un ricordo speciale a Andrea Rocchelli e Andrej Mironov, con l’inaugurazione della mostra “Dall’Ultimo Fronte: L’Ucraina di Andy Rocchelli e Andrey Mironov”.

La mostra rappresenta un momento di riflessione sulla vicenda di Andrej Mironov, ex-dissidente, prigioniero politico sovietico, giornalista e coraggioso difensore dei diritti umani rimasto ucciso a Sloviansk, in Ucraina, nel maggio del 2014, insieme al fotoreporter Andrea Rocchelli mentre documentavano gli scontri armati pre-elettorali nell’Ucraina orientale.

L’Onu e i diritti umani

Nella giornata del 7 maggio dalle 10.00 alle 12.00 si segnala l’incontro pubblico con Michael Forst, Relatore speciale ONU sui difensori dei diritti umani, al quale partecipa anche il presidente del Comitato Interministeriale per i Diritti Umani (CIDU) Fabrizio Petri, ed in collegamento il sindaco della città di Prato, scenario negli stessi giorni dell’evento “Mediterraneo Downtown”.