Sentenza di Cassazione sulla morte di Stefano Cucchi: dichiarazione di Amnesty International Italia - Amnesty International Italia

Sentenza di Cassazione sulla morte di Stefano Cucchi: dichiarazione di Amnesty International Italia

15 dicembre 2015

Tempo di lettura stimato: 2'

Commentando la sentenza emessa il 15 dicembre dalla Corte di cassazione sulla morte di Stefano Cucchi, il presidente di Amnesty International Italia Antonio Marchesi ha rilasciato questa dichiarazione: ‘La sentenza della Suprema Corte conferma che, come ha detto il procuratore generale Rossi, sulla vicenda di Stefano Cucchi non può e non deve essere messa ‘una sorta di pietra tombale’, e ciò per il semplice motivo che all’origine della sua morte vi è un insieme di comportamenti che il percorso giudiziario svolto finora non ha accertato’.

‘Ora, attraverso il nuovo processo d’appello che la sentenza impone e soprattutto tramite il nuovo filone d’inchiesta ‘Cucchi – bis’, che ipotizza la responsabilità di alcuni appartenenti dell’Arma dei Carabinieri per il ‘violentissimo pestaggio’ subito da Stefano Cucchi, si riapre la speranza che le dinamiche dei fatti e le responsabilità individuali, anche se con un forte ritardo che ha aggravato la sofferenza dei familiari, siano finalmente conosciute’.

 

FINE DEL COMUNICATO                                     Roma, 16 dicembre 2015

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361
e-mail press@amnesty.it