"Si conservino le prove dei crimini". Importante risoluzione del Consiglio Onu dei diritti umani su Myanmar - Amnesty International Italia

“Si conservino le prove dei crimini”. Importante risoluzione del Consiglio Onu dei diritti umani su Myanmar

28 settembre 2018

Andrew Stanbridge / Amnesty International

Tempo di lettura stimato: 1'

Nonostante il tentativo della Cina di bloccare il voto, il 27 settembre il Consiglio Onu dei diritti umani ha approvato con 35 voti a favore, tre contrari e sette astensioni una risoluzione che chiede la creazione di un meccanismo per raccogliere e conservare le prove delle atrocità commesse in Myanmar nei confronti dei rohingya nello stato di Rakhine e di altre minoranze negli stati di Kachin e Shan.

In questo modo, il principale organismo delle Nazioni Unite sui diritti umani ha accolto una delle principali richieste di Amnesty International per cercare di ottenere giustizia per i gravi crimini di diritto internazionale commessi nello stato asiatico.