Siria: aumentano le morti in prigione - Amnesty International Italia

Siria: aumentano le morti in prigione

31 agosto 2011

Tempo di lettura stimato: 6'

Un nuovo rapporto diffuso oggi da Amnesty International rivela che in Siria almeno 88 persone sono morte in prigione durante i cinque mesi di sanguinosa repressione delle manifestazioni per le riforme, segnati da arresti di massa. Le vittime, tutte di sesso maschile, comprendono anche minorenni, alcuni dei quali di 13 anni di età.

Le 88 morti registrate da aprile ad agosto rappresentano un significativo aumento rispetto ai cinque morti in prigione all’anno riscontrate da Amnesty International negli ultimi anni in Siria.

‘Le morti dietro le sbarre stanno raggiungendo una dimensione massiccia e paiono costituire il prolungamento dello stesso brutale disprezzo per la vita cui stiamo assistendo giorno dopo giorno nelle strade della Siria’ – ha dichiarato Neil Sammonds, ricercatore di Amnesty International sulla Siria. ‘I resoconti delle torture che riceviamo sono orribili. Crediamo che il governo di Damasco stia perseguitando in modo sistematico e su vasta scala il suo stesso popolo’.

Tutte le vittime citate nel rapporto erano state arrestate perché avevano preso parte, o erano sospettate di aver preso parte, alle proteste di massa lanciate a marzo dal movimento per le riforme.

In almeno 52 degli 88 casi, vi sono prove che maltrattamenti e torture abbiano causato direttamente la morte o abbiano contribuito a causarla.

Amnesty International ha visionato immagini di 45 di questi casi, filmate da parenti, attivisti o altre persone, e ha chiesto di analizzarne un certo numero a esperti indipendenti di medicina legale.

Le ferite riscontrate sul corpo di molte vittime indicavano che avevano potuto ricevere violenze durissime. Tra i segni della tortura, vi erano quelli di bruciature, frustate, schiaffi e percosse.

La maggior parte delle morti denunciate nel rapporto è avvenuta nei governatorati di Homs e Dera’a, sedi delle principali proteste. Morti in prigione sono state registrate anche in altri cinque governatorati: Damasco, Rif Damashq, Idlib, Hama e Aleppo.

Hamza Ali al-Khateeb, 13 anni, scomparso il 29 aprile durante le proteste contro l’assedio di Dera’a, è stato ritrovato morto con segni di percosse e il pene mozzato.

Un filmato visionato da Amnesty International mostra il corpo di Tariq Ziad Abd al-Qadr, un uomo di Homs, nelle condizioni in cui era stato restituito alla famiglia, il 16 giugno. Aveva i capelli strappati e segni sul collo e sul pene, probabilmente causati da scariche elettriche, e inoltre quella che sembrava una bruciatura di sigaretta, cicatrici di frustate, ematomi e ferite da taglio.

Il corpo del dottor Sakher Hallak, che dirigeva una clinica per disturbi alimentari ad Aleppo, è stato rinvenuto sul ciglio di una strada pochi giorni dopo il suo arresto, avvenuto il 25 maggio. Secondo quanto testimoniato da alcune fonti ad Amnesty International, il suo corpo presentava segni di fratture alle costole, alle braccia e alle dita; gli era stato cavato un occhio e tagliati i genitali.

Amnesty International non è a conoscenza di alcuna indagine indipendente svolta sulle cause della morte dei casi citati nel suo rapporto.

L’organizzazione per i diritti umani ha chiesto da tempo al Consiglio di sicurezza di riferire la situazione della Siria alla Corte penale internazionale, imporre un embargo sulle armi verso il paese e congelare i patrimoni del presidente Bashar al-Assad e dei suoi collaboratori di maggiore profilo.

‘Nel contesto delle violazioni massicce e sistematiche che stanno avendo corso in Siria, riteniamo che queste morti in prigione possano costituire crimini contro l’umanità. La reazione del Consiglio di sicurezza è stata sinora profondamente inadeguata, ma non è troppo tardi per intraprendere un’azione ferma e giuridicamente vincolante nei confronti della Siria’ – ha concluso Sammonds.

Amnesty International ha i nomi di oltre 1800 persone morte dall’inizio delle manifestazioni per le riforme. Migliaia di altre persone sono state arrestate e molte di esse sono detenute in luoghi segreti, a rischio di torture e di morte.

Firma l’appello per chiedere al Consiglio di sicurezza di contribuire a fermare lo spargimento di sangue in Siria

Visita il sito eyesonsyria.org

Scarica il rapporto in inglese ‘Deadly detention: Deaths in custody amid popular protest in Syria’

FINE DEL COMUNICATO                                                                              Roma, 31 agosto 2011

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell.348-6974361, e-mail press@amnesty.it