Siria, nelle immagini filmate la conferma che le forze di sicurezza sparano per uccidere - Amnesty International Italia

Siria, nelle immagini filmate la conferma che le forze di sicurezza sparano per uccidere

26 maggio 2011

Tempo di lettura stimato: 3'

Amnesty International è venuta in possesso, tramite propri contatti in Siria, di immagini filmate tra marzo e aprile a Dera’a che confermano l’esistenza di una vera e propria politica dello ‘sparare per uccidere’ da parte delle forze di sicurezza impegnate nella repressione delle proteste.

Queste immagini sono state riprese e fatte uscire dalla Siria da persone che hanno messo in gioco la propria vita pur di documentare il vergognoso tentativo delle autorità siriane di costringere col terrore i manifestanti a rimanere nelle proprie abitazioni. Di fronte a queste prove così evidenti, il presidente Bashar al-Assad deve fermare il massacro e garantire che i responsabili di tutto questo siano consegnati alla giustizia‘ – ha dichiarato Philip Luther, vicedirettore di Amnesty International per il Medio Oriente e l’Africa del Nord.

L’organizzazione per i diritti umani ha ribadito la propria richiesta al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite affinché deferisca la situazione della Siria alla Corte penale internazionale, come fatto nei confronti della Libia.

Il video comprende immagini relative a un raid dei militari all’interno della moschea di Omar, a Dera’a, in cui era stato allestito un ospedale da campo;  manifestanti feriti e forse uccisi trascinati brutalmente via; persone a terra gravemente ferite; altre persone finite a colpi d’arma da fuoco mentre giacevano esamini a terra; soldati in abiti civili all’interno della moschea i quali riprendono, a loro volta, il risultato del loro raid e gridano ‘Fotografali, li abbiamo uccisi, questi traditori!’.

Il video include anche immagini di un funerale di massa a Izraa e la testimonianza del barelliere di un’ambulanza che protesta perché l’esercito non permette di soccorrere e portare via i feriti.

Amnesty International ha redatto una lista di oltre 720 manifestanti uccisi dalle forze di sicurezza siriane negli ultimi due mesi.

Guarda un estratto del filmato

http://www.youtube.com/v/N4940Kpmrio

Leggi il post ‘Se i bambini diventano i martiri della rivoluzione in Siria’ sul blog ‘Le persone e la dignità’.