Slovenia condannata per aver respinto un richiedente asilo - Amnesty International Italia

Slovenia condannata per aver respinto un richiedente asilo

22 Luglio 2020

Tempo di lettura stimato: 2'

Il 16 luglio il Tribunale amministrativo della Slovenia ha giudicato illegale il respingimento di un richiedente asilo appartenente alla minoranza anglofona del Camerun.

Al suo ingresso in Slovenia l’uomo, di cui sono note le iniziali J.D., era stato trattenuto per due giorni in una stazione di polizia presso il confine. Gli era stato negato l’accesso alla procedura d’asilo sebbene l’avesse ripetutamente chiesta. Respinto in Croaziacontro le norme dell’Unione Europea“, come si legge nella sentenza, da qui era stato ulteriormente rinviato in Bosnia ed Erzegovina.

Nella sua sentenza, il Tribunale amministrativo ha stabilito che la Slovenia ha violato il diritto d’asilo (articolo 18 della Carta europea dei diritti fondamentali), il divieto di espulsioni collettive (articolo 19.1) e il principio di non respingimento (articolo 19.2).

J.D., che attualmente si trova in Bosnia ed Erzegovina, riceverà un risarcimento di 5.000 euro e potrà entrare in Slovenia per chiedere protezione internazionale. Sempre che in appello non venga data ragione al Ministero dell’Interno di Lubiana, che ha annunciato il ricorso.

Le buone notizie di Amnesty International Italia sono anche su Pressenza.