Somalia: ottavo giornalista assassinato negli ultimi nove mesi - Amnesty International Italia

Somalia: ottavo giornalista assassinato negli ultimi nove mesi

2 agosto 2012

Tempo di lettura stimato: 4'

Amnesty International ha chiesto alle autorità somale e alla comunità internazionale di assicurare che i responsabili delle uccisioni di operatori dell’informazione siano portati davanti alla giustizia, dopo che martedì 31 luglio il popolare attore comico Abdi Jeylani Malaq ‘Marshale, è stato ucciso da due uomini armati di pistola mentre rientrava a casa, intorno alla 17.30, nel quartiere di Waberi di Mogadiscio. È stato sepolto il 1° agosto nella capitale.

Sebbene i motivi della sua uccisione non siano chiari, Abdi Jeylani Malaq ‘Marshale aveva prodotto e mandato in onda un programma satirico per la Radio somala Kulmiye e la Tv Universal e, in passato, era stato minacciato di morte da Al-shabab, il gruppo armato islamista armato che si oppone al governo federale di transizione.

Abdi Jeylani Malaq ‘Marshale è l’ottavo operatore dell’informazione che viene ucciso in un attacco mirato dal dicembre 2011. Quest’anno diversi giornalisti sono scampati a tentati omicidi.

Amnesty International è scioccata non solo dai continui attacchi che prendono di mira chi fa informazione, ma anche dall’inazione delle autorità somale nel proteggerli e nell’indagare seriamente su questi attacchi‘ – ha dichiarato Bénédicte Goderiaux, ricercatrice sulla Somalia di Amnesty International.

Nessuno è stato portato davanti alla giustizia per le uccisioni di giornalisti in Somalia quest’anno, né negli anni precedenti. Le autorità somale devono condurre indagini approfondite sulle uccisioni, assicurare che gli autori siano portati davanti alla giustizia in processi equi e affrontare la diffusa impunità che esiste in Somalia‘ – ha aggiunto Goderiaux.

La comunità internazionale deve incrementare gli sforzi per consentire che lo stato di diritto sia ristabilito e assicurare la responsabilità per i numerosi crimini di diritto internazionale in Somalia‘.

Nel frattempo, una bozza di costituzione provvisoria per la Somalia è stata approvata mercoledì 1° agosto dall’Assemblea nazionale costituente a Mogadiscio – uno dei passi concordati tra le autorità somale di transizione e la comunità internazionale per porre fine al periodo di transizione nel paese.

Amnesty International sollecita le attuali e future autorità somale a fare tutti i passi necessari  per tradurre in realtà il diritto alla vita, alla libertà di espressione e di stampa, diritti garantiti nella Costituzione provvisoria.

Attualmente non esistono meccanismi a disposizione degli operatori dell’informazione in Somalia per denunciare le minacce ed essere consigliati su come migliorare la loro sicurezza. Gli operatori dell’informazione somali, che continuano a rischiare la vita,  devono essere consultati dalle autorità locali e dalla comunità internazionale su come rafforzare la loro protezione’ – ha concluso Goderiaux.