Salve le sorelle saudite che rischiavano il rimpatrio forzato da Hong Kong

Salve le due sorelle saudite che rischiavano il rimpatrio forzato da Hong Kong

25 marzo 2019

Tempo di lettura stimato: 2'

Reem e Rawan, due sorelle saudite di 18 e 20 anni che rischiavano il rimpatrio da Hong Kong, hanno potuto lasciare questo paese per trasferirsi in un paese terzo sicuro.

Le due sorelle erano fuggite dall’Arabia Saudita poiché i membri maschi della famiglia le picchiavano e trattavano “come schiave”. Quando, nel settembre 2017, avevano fatto scalo a Hong Kong dirette in Australia, erano state bloccate all’interno dell’aeroporto da funzionari del consolato saudita.

I loro passaporti erano stati sequestrati e ciò aveva reso impossibile prolungare l’estensione del loro visto. Le due sorelle avevano così ottenuto un permesso provvisorio come “soggiornanti stranieri fuori-termine”, che ha permesso di trovare un paese terzo disposto ad accoglierle.

Se rimpatriate, le due sorelle sarebbero andate incontro alla vendetta dei parenti maschi e avrebbero rischiato il processo per aver lasciato la loro abitazione senza il consenso del loro tutore maschio, aver abbandonato il paese e aver rinunciato all’Islam, reato quest’ultimo che comporta la pena di morte.

Le buone notizie di Amnesty International sono pubblicate anche su Pressenza.