Sudan, conferenza dei donatori: maggiore impegno per proteggere i civili nel Darfur - Amnesty International Italia

Sudan, conferenza dei donatori: maggiore impegno per proteggere i civili nel Darfur

17 luglio 2006

Tempo di lettura stimato: 4'

Sudan, conferenza dei donatori: Amnesty International chiede un impegno per rafforzare la protezione dei civili nel Darfur

CS77-2006: 18/07/2006

In occasione della conferenza dei donatori che si apre oggi a Brussels, Amnesty International ha sollecitato il rafforzamento della Missione dell’Unione africana in Sudan (Amis), in modo che le sue truppe possano garantire un’effettiva protezione alla popolazione civile del Darfur.

Nonostante la firma, a maggio, dell’Accordo di pace per il Darfur e la presenza, dal giugno 2004, dell’Amis, la crisi umanitaria nel Darfur resta catastrofica e gli abusi nei confronti della popolazione civile proseguono su scala massiccia.

‘Amnesty International sostiene il dispiegamento di una forza di peacekeeping dell’Onu con un mandato forte. Nel frattempo, è fondamentale che l’Amis sia potenziata e che possa iniziare a proteggere i civili’ – ha dichiarato Dick Oosting, direttore dell’ufficio di Amnesty International presso l’Unione europea.

L’organizzazione ha sottoposto alla conferenza dei donatori un documento sulla situazione dei diritti umani in Darfur, contenente dieci raccomandazioni formulate per favorire la presenza nella regione di una forza di peacekeeping in grado di proteggere la popolazione civile.

Gli sforzi dei militari attualmente presenti in Darfur sono ostacolati dalla mancanza di personale e di risorse tecnico-logistiche nonché dall’impossibilità da parte delle truppe di agire con fermezza per proteggere i civili.

‘Ancora una volta, vediamo rimandare indietro persone che chiedono aiuto, perché le truppe dell’Amis non sono capaci o non sono preparate a dare loro la necessaria protezione’ – ha commentato Oosting. ‘In occasione di questa Conferenza, i donatori possono fare una grande differenza, sia mettendo a disposizione maggiori risorse, sia mandando al Sudan un forte segnale politico: Khartoum deve consentire libero accesso ai peacekeeper in tutte le zone del Darfur’.

Amnesty International raccomanda ai donatori di assicurare l’espansione dell’Amis, attraverso:

un’efficace componente civile;
la messa a disposizione di maggiori risorse materiali, come mezzi di trasporto e comunicazione, utili ad agire con tempestività in caso di attacchi imminenti contro i civili;
un’adeguata protezione per le donne e le bambine;
la capacità di pattugliare i percorsi lungo i quali arrivano i rifornimenti, in modo che essi rimangano aperti e sicuri. Si tratta di una questione vitale, sottolinea Amnesty International, in una regione in cui almeno due milioni di persone sono completamente dipendenti dagli aiuti umanitari; 
il dispiegamento delle truppe lungo la frontiera col Ciad, in modo da impedire incursioni oltreconfine da parte delle milizie janjawid.

FINE DEL COMUNICATO                                 Roma, 18 luglio 2006

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490223, cell. 348-6976920, e-mail: press@amnesty.it