Sudan, il primo dei quattro ricercati dal Tribunale Penale Internazionale si arrende - Amnesty International Italia

Sudan, il primo dei quattro ricercati dal Tribunale Penale Internazionale si arrende

10 Giugno 2020

Tempo di lettura stimato: 2'

Il 9 giugno Ali Muhammad Ali Abd–Al-Rahman, detto “Ali Kushayb”, si è consegnato al Tribunale Penale Internazionale, a 13 anni di distanza dal mandato di cattura emesso nei suoi confronti per crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi nella regione sudanese del Darfur.

Nei confronti di “Ali Kushayb” vi sono 22 capi d’accusa per crimini contro l’umanità e 28 per crimini di guerra, tutti riferiti al reclutamento e al comando di migliaia di miliziani, noti come “janjawid” (diavoli a cavallo), responsabili tra agosto 2003 e marzo 2004 di gravissime violazioni dei diritti umani ai danni della popolazione civile darfuriana.

Si spera che quella di “Ali Kushayb” sia solo la prima resa. Il Tribunale penale internazionale attende altri tre latitanti sudanesi: Ahmad Harun, Abdel Rahim Muhammad Hussein e soprattutto l’ex presidente Omar al-Bashir.

Le buone notizie di Amnesty International Italia sono anche su Pressenza.