#Freehumanrightsdefenders - Amnesty International Italia

#Freehumanrightsdefenders

12 luglio 2017

Tempo di lettura stimato: 1'

In Turchia i difensori dei diritti umani sono sotto attacco.

Tra le persone colpite dall’ondata di repressione anche il presidente e la direttrice di Amnesty International Turchia.

Le accuse contro di loro sono infondate.

Il 5 luglio è stata arrestata, insieme ad altri sette difensori dei diritti umani e due formatori Idil Eser, direttrice di Amnesty International Turchia. Per oltre 28 ore le autorità hanno rifiutato di fornire informazioni e hanno impedito agli arrestati di contattare le loro famiglie. La loro detenzione è stata autorizzata per sette giorni e estesa per altri sette prima che compaiano di fronte a un giudice. L’accusa, infamante e senza prove, è di “associazione terroristica“.

Far parte della lotta per i diritti è una grande sensazione. Solidarietà per sempre” – 8 luglio 2017, sede della Polizia per la sicurezza di Vatan, Istanbul

Taner Kılıç, presidente di Amnesty International Turchia, si trova da un mese in detenzione in attesa del processo. è incriminato per “appartenenza all’Organizzazione terroristica Fethullah Gülen”.

L’unico elemento addotto a sostegno dei presunti legami di Taner Kılıç con il movimento di Gülen è che nell’agosto 2014 sarebbe risultata installata sul suo telefono cellulare l’applicazione di messaggistica Bylock, che secondo le autorità turche era usata dai membri della “Organizzazione terroristica Fethullah Gülen“.

Non è stata presentata alcuna prova a sostegno di quest’affermazione e Taner Kılıç nega di aver mai scaricato o usato Bylock, applicazione della cui esistenza era stato ignaro fino a quando di recente era stata menzionata in occasione di arresti e condanne.

La repressione dopo il fallito colpo di stato del luglio 2016

Dopo il tentato colpo di stato in Turchia sono decine di migliaia le persone – tra cui medici, agenti di polizia, insegnanti, docenti universitari e soldati – etichettate come “terroristi” ed estromesse dal settore pubblico, che oggi lottano per la sopravvivenza.

La ricerca “Nessuna fine in vista: il futuro negato agli impiegati del settore pubblico della Turchia dopo la purga” è il frutto di 61 interviste svolte ad Ankara, Diyarbakır e Istanbul dal team guidato da Andrew Gardner, ricercatore di Amnesty International sulla Turchia.

FIRMA ORA PER CHIEDERE LA LORO LIBERAZIONE IMMEDIATA

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di ricevere informazioni sulle campagne, anche di raccolta fondi e/o firme per appelli, dell'associazione Amnesty International Sezione Italiana via posta cartacea o telefono con operatore e via email, sms, mms, fax o altri sistemi automatizzati (es. messaggi su social network web). Informativa privacy
  • es. Piazza del Gesù