Taiwan: prima esecuzione dal 2016 malgrado la promessa di abolire la pena di morte - Amnesty International Italia

Taiwan: prima esecuzione dal 2016 malgrado la promessa di abolire la pena di morte

31 agosto 2018

Tempo di lettura stimato: 1'

Amnesty International ha espresso profondo disappunto per la prima esecuzione avvenuta sotto la presidenza di Tsai Ing-wen, iniziata nel 2016.

Lee Hung-chi, 39 anni, inizialmente condannato all’ergastolo nel 2014 per l’omicidio della ex-moglie e della figlia e poi a morte in appello due anni dopo, è stato ucciso mediante plotone d’esecuzione.

In precedenza la presidente Tsai Ing-wen aveva dichiarato l’intenzione del governo di abolire la pena capitale. Oggi questa promessa suona tragicamente vana.