Termina il 25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne, la campagna di sms solidale per i diritti delle donne in Medio Oriente e Nordafrica - Amnesty International Italia

Termina il 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, la campagna di sms solidale per i diritti delle donne in Medio Oriente e Nordafrica

22 novembre 2012

Tempo di lettura stimato: 4'

Il 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, terminerà la campagna di sms solidale di Amnesty International Italia per i diritti delle donne in Medio Oriente e Nordafrica. Fino alle ore 24 di domenica, sarà possibile donare 2 € inviando un SMS al numero 45509 da tutti i cellulari personali Tim, Vodafone, Wind, 3, CoopVoce, Postemobile e Nòverca oppure 2 o 5 € chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb e TWT.

I fondi raccolti grazie a questa iniziativa consentiranno ad Amnesty International di stare accanto alle donne del Medio Oriente e del Nordafrica, sostenerle e proteggerle dalla discriminazione e dalla violenza nonché porre l’attenzione sui diritti delle donne a rischio in paesi come Iran, Siria, Tunisia, Arabia Saudita, Egitto e Bahrein.

Nello specifico, attraverso missioni di ricerca nei paesi dell’area, attività congiunte con partner locali, pressione sulle istituzioni nazionali mediante incontri diretti e/o la mobilitazione delle attiviste e degli attivisti di Amnesty International nel mondo, il progetto si propone di ottenere la liberazione di tutte le donne in carcere per aver difeso i diritti umani; porre fine alle politiche e alle leggi discriminatorie che pregiudicano la parità di diritti tra uomini e donne; far dichiarare fuorilegge pratiche aberranti che colpiscono le donne in quanto tali nella loro integrità fisica e morale; favorire l’adozione di garanzie legislative e costituzionali per l’uguaglianza di genere; assicurare che le donne prendano parte ai processi decisionali sul futuro dei paesi in transizione e che siano protette, come gruppo particolarmente vulnerabile, nei paesi in cui sono in corso conflitti interni o viene esercitata una forte repressione politica.

Tra le iniziative in programma, venerdì 23 a Firenze, Amnesty International Italia e la campagna Un milione di firme presentano la mostra “Stop alla discriminazione delle donne in Iran! Stop ai maltrattamenti delle attiviste!”. L’evento è in programma alle ore 18 presso il complesso ex- Leopoldine, piazza Torquato Tasso 7, alla presenza di Christine Weise, presidente di Amnesty International Italia, e Sabri Najafi, rappresentante in Italia della campagna Un milione di firme.

In Iran, le attiviste e gli attivisti della campagna Un milione di forme vengono perseguitati dalle autorità perché chiedono la fine della discriminazione legale contro le donne. La negazione di eguali diritti lascia le donne iraniane senza protezione dalla violenza domestica e preclude loro un adeguato accesso alla giustizia. La discriminazione che subiscono ostacolo il loro ruolo di agenti di cambiamento.

Il 25 novembre, Amnesty International lancerà i suoi 16 giorni di attivismo contro la violenza sulle donne. Oltre all’Iran, la mobilitazione riguarderà anche la violenza sessuale e di genere commessa dalle forze armate in Egitto e la violenza sessuale nell’ambito del conflitto in Colombia.