Tunisia, allarmanti nuove prove della brutalità delle forze di sicurezza - Amnesty International Italia

Tunisia, allarmanti nuove prove della brutalità delle forze di sicurezza

27 gennaio 2011

Tempo di lettura stimato: 3'

Amnesty International ha reso note nuove allarmanti prove dei metodi brutali usati dalle forze di sicurezza tunisine nel tentativo di reprimere le proteste antigovernative delle recenti settimane.

Secondo i ricercatori di Amnesty International, appena tornati dalla Tunisia, le forze di sicurezza hanno fatto ricorso a un uso sproporzionato della forza per disperdere i manifestanti e in alcuni casi hanno aperto il fuoco contro manifestanti che scappavano o sui passanti. Secondo alcune testimonianze raccolte dai ricercatori dell’organizzazione, a Kasserine e Thala alcuni manifestanti sono stati colpiti alle spalle mentre fuggivano. In queste due città, così come a Tunisi e Regueb, alcune persone sono state colpite alla testa e al petto, col chiaro intento di ucciderle.

Le forze di sicurezza hanno fatto ricorso a un uso sproporzionato della forza per disperdere i manifestanti e alla forza letale quando questa non era strettamente necessaria. Gas lacrimogeni, proiettili di gomma e munizioni sono stati ampiamente usati anche contro manifestanti pacifici, molti dei quali colpiti coi manganelli.

L’organizzazione ha anche ricevuto informazioni secondo cui molte delle persone arrestate in relazione alle proteste hanno subito torture o maltrattamenti mentre si trovavano in stato di fermo.

FINE DEL COMUNICATO                                                                               27 gennaio 2011

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

(24 gennaio 2011) Amnesty International: la Tunisia deve rompere definitivamente col passato