Turchia, aumenta la repressione nei confronti dei media in un clima di paura - Amnesty International Italia

Turchia, aumenta la repressione nei confronti dei media in un clima di paura

29 luglio 2016

Tempo di lettura stimato: 3'

All’inizio della seconda settimana di stato d’emergenza, la repressione contro la società civile e gli organi d’informazione della Turchia ha raggiunto un livello senza precedenti.

Mandati di cattura sono stati emessi nei confronti di 89 giornalisti; il numero di quelli arrestati ha superato 40 e molti altri si stanno nascondendo per evitare l’arresto. Il secondo decreto dello stato d’emergenza, dopo quello che aveva esteso da quattro a 30 giorni la detenzione preventiva, ha comportato la chiusura di 131 organi d’informazione.

Ecco un aggiornamento sui numeri della repressione:

Secondo il governo, durante il fallito colpo di stato sono state uccise almeno 208 persone e ne sono state ferite oltre 1400.

In seguito, sono state arrestate oltre 15.000 persone.

Oltre 45.000 persone sono state sospese o rimosse dall’incarico, tra le quali giudici, procuratori, funzionari di polizia e altre ancora.

Alla data del 28 luglio erano stati spiccati almeno 89 mandati di cattura nei confronti di giornalisti e, alla data del 26 luglio, oltre 40 giornalisti erano agli arresti. A decine di giornalisti è stato ritirato l’accredito-stampa.

Nei giorni successivi al fallito colpo di stato sono stati bloccati 20 siti Internet e chiusi 131 organi d’informazione tra cui 3 agenzie di stampa, 16 canali televisivi, 23 stazioni radio, 45 quotidiani, 15 periodici e 29 case editrici.

Oltre 1000 scuole private sono state chiuse e 138.000 alunni dovranno trasferirsi nelle scuole di stato.

Secondo le informazioni raccolte da Amnesty International, i detenuti in custodia di polizia a Istanbul e Ankara sono costretti a rimanere fino a 48 ore in posizioni che provocano dolore fisico. Inoltre, sono privati di cibo, acqua e cure mediche, insultati e minacciati e, in diversi casi, sottoposti a brutali pestaggi e a torture, tra cui lo stupro.

La durata iniziale dello stato d’emergenza imposto il 20 luglio è di tre mesi, durante i quali il governo può agire tramite decreto senza voto parlamentare.

Il 23 luglio, il primo decreto dello stato d’emergenza ha innalzato la durata della detenzione preventiva da quattro a 30 giorni.

L’articolo 15 della Costituzione turca specifica che la Convenzione europea dei diritti umani non può essere ‘sospesa’. Anche durante uno stato d’emergenza, le autorità possono derogare solo a specifici diritti.

Dopo l’abolizione, nell’aprile 2016, dell’Istituzione nazionale per i diritti umani, il numero degli osservatori indipendenti che possono effettuare visite nelle strutture detentive è pari a zero.