Turchia, la chiusura dei valichi di frontiera con la Siria metterà in pericolo vite - Amnesty International Italia

Turchia, la chiusura dei valichi di frontiera con la Siria metterà in pericolo vite

21 settembre 2014

Tempo di lettura stimato: 3'

Le autorità turche devono garantire che i confini del paese restino aperti per coloro che fuggono da conflitti e abusi dei diritti umani in Siria e in Iraq, ha dichiarato Amnesty International. La Turchia ha cominciato a chiudere alcuni dei suoi valichi di frontiera con la Siria dopo che 130.000 rifugiati curdi si sono riversati nel paese nei giorni scorsi in fuga dall’avanzata del gruppo armato denominatosi Stato islamico (Is).

L’ultimo afflusso di rifugiati ha indubbiamente messo ancora più pressione sulle risorse già scarse della Turchia, ma questo non può essere usato come una scusa per negare un rifugio sicuro a chi è in fuga dagli orrori della guerra‘ – ha affermato Sherif Elsayed-Ali, direttore del Programma rifugiati e migranti di Amnesty International. ‘Con rifugiati sempre più disperati che arrivano al confine in cerca di sicurezza è fondamentale che la comunità internazionale agisca subito per rafforzare il suo sostegno alla Turchia e agli altri paesi vicini alla Siria per evitare ulteriori sofferenze‘. La Turchia che, prima di questo fine settimana, ha già ospitato più di un milione di profughi dalla Siria, è stata in gran parte lasciata da sola ad affrontare la crisi. ‘I leader mondiali si sono affrettati a condannare le atrocità commesse dal gruppo armato Stato islamico in Iraq e in Siria. Ora devono prestare assistenza a coloro che sono fuggiti dal gruppo‘ – ha aggiunto Sherif Ali Elsayed. Amnesty International sta sollecitando i paesi a riunirsi presso il Comitato esecutivo dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, la prossima settimana a Ginevra, per affrontare insieme questa crisi globale. ‘Dobbiamo trovare una risposta globale alla crisi di evacuazione in Medio Oriente, anche da Siria e Iraq. Questa deve includere assistenza umanitaria, un piano per aiutare i paesi ospitanti ad affrontare le esigenze educative, sanitarie e abitative dei rifugiati e il reinsediamento di decine di migliaia di rifugiati nei prossimi anni‘- ha concluso Sherif Elsayed-Ali.

Il conflitto in Siria ha portato alla più grande crisi di trasferimento forzato in tutto il mondo. Ci sono attualmente più di 3,3 milioni di rifugiati dalla Siria, la stragrande maggioranza di loro ha cercato rifugio nei paesi vicini; altri 6,5 milioni di persone sono sfollate in Siria.