Turchia, Osman Kavala da 1000 giorni dietro le sbarre - Amnesty International Italia

Turchia, Osman Kavala da 1000 giorni dietro le sbarre

27 Luglio 2020

Tempo di lettura stimato: 3'

In occasione dei 1000 giorni dall’arresto del difensore dei diritti umani turco Osman Kavala, detenuto per accuse fabbricate dal 1° novembre 2017 nella prigione di massima sicurezza di Silivri, Amnesty International ha aderito alla campagna globale “Free Osman Kavala” per mobilitare le opinioni pubbliche e le istituzioni nazionali e internazionali.

Nato a Parigi nel 1957, Kavala è il co-fondatore di Iletisim Yayinlari, una delle più grandi case editrici turche e presiede l’istituto Anadolu Kültür, da lui fondato e divenuto un punto di riferimento prezioso per comprendere la società civile turca.

Kavala rimane in carcere nonostante la sentenza della Corte europea dei diritti umani che ha chiesto il suo rilascio immediato, valutando che la sua detenzione e l’inchiesta ai suoi danni siano mosse dall’obiettivo di ridurre al silenzio lui e la società civile turca. Non ci fermeremo fino a quando Osman Kavala non sarà tornato libero“, ha dichiarato un portavoce della campagna.

Inizialmente sotto inchiesta per tre accuse infondate relative al “tentativo di rovesciare il governo o l’ordine costituzionale con la violenza o con la forza” e che lo vedono persino coinvolto nel tentato colpo di stato del luglio 2016, nel febbraio 2020 Kavala è stato prosciolto da una di esse per essere accusato di “spionaggio” appena un mese dopo, con l’evidente scopo di aggirare la sentenza della Corte europea sull’illegalità della sua detenzione.

C’è tanta creatività a sostegno di Kavala. Persone di ogni parte del mondo non vogliono che questa giornata tristemente simbolica passi inosservata“, ha dichiarato Milena Buyum, responsabile della campagna sulla Turchia di Amnesty International.