Turkmenistan: Mukhametkuli Aymuradov finalmente libero - Amnesty International Italia

Turkmenistan: Mukhametkuli Aymuradov finalmente libero

2 maggio 2009

Tempo di lettura stimato: 3'

Nel 1995, Mukhametkuli Aymuradov venne riconosciuto colpevole, insieme a un altro uomo, Khoshali Garayev, di “crimini contro lo stato”, incluso “tentato terrorismo”, e condannato a 15 anni di carcere dopo una seduta a porte chiuse del Collegio giudiziario per i casi penali presso la Corte suprema del Turkmenistan. Non c’è mai stata alcuna prova della loro colpevolezza.

mukhametkuli-aymuradovAmnesty International (AI) ha sempre creduto che i due siano stati puniti semplicemente per essersi schierati dalla parte di oppositori del governo turkmeno in esilio. Entrambi furono di nuovo accusati, nel novembre 1998, in relazione a un presunto tentativo di fuga dalla prigione e il mese dopo furono condannati a ulteriori 18 anni di reclusione, cinque dei quali da trascorrere in un carcere di massima sicurezza.

Nel settembre 1999, Khoshali Garayev è morto in custodia. Secondo le autorità carcerarie, si sarebbe suicidato dopo essere stato rinchiuso in isolamento, a seguito di un litigio nella sua cella. Eppure in una breve lettera scritta prima della sua morte, Khoshali si mostrava speranzoso di ricevere l’amnistia del presidente e di poter tornare finalmente dalla sua famiglia già nel 2000. Dopo la morte di Khoshali Garayev, AI ha espresso serie preoccupazioni per la salute di Mukhametkuli Aymuradov, avendo saputo che non stava ricevendo le cure appropriate per un’ulcera gastrica, un attacco di cuore e infiammazioni ricorrenti alla vescica e a un rene.

In una lettera ad AI, Mukhametkuli Aymuradov ci raccontava: “Le condizioni di detenzione sono estremamente dure… sto soffrendo per le umiliazioni, le offese, la fame, la malattia, le infezioni, l’assenza di cure essenziali, il freddo d’inverno e il troppo caldo d’estate. Si rifiutano di accettare e passarmi il cibo che mia moglie e i miei figli mi inviano da casa. Tutto questo devo sopportare alla mia età, nel mio stato di salute e con le mie malattie”.

Mukhametkuli Aymuradov è stato finalmente rilasciato il 2 maggio 2009 e si è subito incontrato con la sua famiglia nella capitale Ashgabat. Ha potuto così riabbracciare sua moglie, i due figli e i due pronipoti. Dopo il suo rilascio, la figlia di Mukhametkuli Aymuradov ci ha ringraziato con queste parole: “C’è così tanta gioia nella nostra famiglia! La nostra famiglia è veramente grata a voi e a tutta la vostra organizzazione. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato durante questi anni di agonia”. Anche Mukhametkuli Aymuradov ha ringraziato tutti coloro che si sono attivati in sua difesa.