Ucraina, oppositore sottoposto a torture brutali - Amnesty International Italia

Ucraina, oppositore sottoposto a torture brutali

30 gennaio 2014

Tempo di lettura stimato: 2'

Il rapimento e la tortura dell’attivista ucraino Dmitrii Bulatov sono stati definiti da Amnesty International ‘un atto barbaro’ su cui occorre indagare immediatamente. Bulatov, uno dei principali organizzatori e partecipanti ai cortei di automobili chiamati Automaydan, che convergevano nei luoghi delle manifestazioni del movimento Euromaydan, era scomparso la sera del 22 gennaio 2014. Dopo otto giorni, il 30 gennaio è stato scaraventato da un’auto in corsa in mezzo alla neve. Ha raggiunto a piedi un villaggio, nel quale ha potuto ricevere i primi soccorsi e chiamare gli amici. Si trova attualmente in ospedale.

Bulatov ha dichiarato di essere stato picchiato, torturato e crocifisso e di aver ricevuto poco cibo. Tenuto bendato a lungo, è stato interrogato da uomini con l’accento russo che volevano sapere chi finanziasse le sue attività. ‘Mi hanno crocifisso, bucato le mani, mi hanno fatto dei tagli a un orecchio e in faccia. Non c’è una parte dei mio corpo senza ferite. Potete vederlo voi stessi. Ma sono vivo, grazie a Dio!‘ – ha dichiarato dall’ospedale Bulatov.

Il caso di Bulatov non è unico. Altri manifestanti di Euromaydan hanno riferito trattamenti simili. Yury Verbitsky non vi è sopravvissuto‘ – ha dichiarato John Dalhuisen, direttore del Programma Europa e Asia Centrale di Amnesty International. ‘È difficile immaginare come si possa uscire dalla crisi in atto quando avvengono violenze orribili nei confronti degli organizzatori delle proteste. Le autorità ucraine devono dire forte e chiaro che non vi sarà impunità per queste azioni e che i responsabili saranno chiamati a rispondere‘ – ha concluso Dalhuisen.