Ucraina: proteggere i civili nelle zone contese, come Debaltseve - Amnesty International Italia

Ucraina: proteggere i civili nelle zone contese, come Debaltseve

11 febbraio 2015

Tempo di lettura stimato: 3'

A seguito dell’annuncio odierno dell’accordo raggiunto a Minsk, Amnesty International ha sollecitato entrambe le parti in conflitto nell’Ucraina orientale a prendere misure immediate per proteggere i civili nei giorni che precederanno l’effettiva entrata in vigore del cessate il fuoco, prevista alla mezzanotte tra il 14 e il 15 febbraio. L’organizzazione per i diritti umani ha chiesto alle forze governative e alle milizie separatiste di cessare gli attacchi indiscriminati che hanno causato numerosi morti tra la popolazione civile e di consentire ai civili di evacuare in condizioni di sicurezza le zone contese, come la città di Debaltseve.

Data l’intensità degli attuali combattimenti a Debaltseve e il prevedibile desiderio di conquistare terreno prima dell’inizio del cessate il fuoco, temiamo per l’incolumità della popolazione civile‘ – ha dichiarato Joanne Mariner, Alta consulente per le risposte alle crisi di Amnesty International, appena rientrata da Debaltseve. A Debaltseve, controllata dall’esercito ucraino ma sempre più sotto il tiro delle milizie filorusse, rimane infatti intrappolato un numero imprecisato di civili. ‘Quando abbiamo visitato Debaltseve, la scorsa settimana, vi abbiamo trovato devastazione e dolore. Sebbene molti civili fossero stati evacuati, ne rimanevano ancora alcune centinaia, tra cui bambini, pensionati e persone con disabilità‘ – ha aggiunto Mariner.

La missione di ricerca di Amnesty International che nelle ultime due settimane ha visitato l’Ucraina orientale, ha incontrato civili ammassati in rifugi sotterranei, impauriti per i quasi incessanti attacchi con bombe e mortai, senza elettricità, acqua e altri beni di prima necessità, quasi interamente dipendenti dagli aiuti umanitari.

Secondo Amnesty International, entrambe le parti in conflitto nell’Ucraina orientale hanno violato le leggi di guerra attraverso attacchi indiscriminati che hanno fatto morti tra la popolazione civile. L’intensità della violenza e la frequenza delle uccisioni di civili hanno conosciuto una recente, nuova recrudescenza.

Nelle ultime settimane di escalation militare sono state uccise decine di civili. Entrambe le parti in conflitto hanno fatto ricorso ad armi indiscriminate che non dovrebbero mai essere usate per colpire i centri abitati‘ – ha sottolineato Mariner.

Martedì 10 febbraio, 16 civili sono stati uccisi in un attacco coi razzi contro la città di Kramatorsk, controllata dalle forze governative, e altri 5 civili sono morti in un analogo attacco contro Donetsk, nelle mani delle forze separatiste.

FINE DEL COMUNICATO     Roma, 12 febbraio 2015

Amnesty International Italia – Ufficio StampaTel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it