Un ricordo di Alexander Solgenitsin - Amnesty International Italia

Un ricordo di Alexander Solgenitsin

4 agosto 2008

Tempo di lettura stimato: 2'

Amnesty International ricorda Alexander Solgenitsin

CS110-2008: 05/08/2008

Alexander Solgenitsin, deceduto domenica 3 agosto, è stata una delle più note figure del dissenso in Unione sovietica negli anni ’60 e ’70.

Premio Nobel per la Letteratura nel 1970, attraverso le sue opere Solgenitsin ha denunciato le violazioni dei diritti umani nelle strutture detentive dell’Unione sovietica e ha incessantemente promosso la libertà d’espressione politica e religiosa.

Nel febbraio 1974, Amnesty International inviò al governo dell’Urss una dura protesta contro l’arresto e l’espulsione di Solgenitsin, ordinati dalle autorità di Mosca dopo la pubblicazione all’estero delle opere dello scrittore. ‘L’arresto arbitrario, la privazione della cittadinanza e l’espulsione dello scrittore Alexander Solgenitsin‘ – si legge in un comunicato stampa emesso da Amnesty International il 20 febbraio 1974 – ‘sono atti inconciliabili con la ratifica del Patto internazionale sui diritti civili e politici e rendono ipocrite le accuse del governo sovietico agli Stati che non lo hanno ratificato‘.

FINE DEL COMUNICATO                                                 Roma, 5° agosto 2008

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361 , e-mail: press@amnesty.it