Azione urgente Kids – Una cartolina per Noori

29 marzo 2017

Una manifestazione a sostegno dei rifugiati ad Atene - © LOUISA GOULIAMAKI/AFP/Getty Images

Tempo di lettura stimato: 4'

Il viaggio di Noori

Noori (il suo vero nome è nascosto per motivi di sicurezza) è un ragazzo siriano di 21 anni ed è il più grande di otto tra fratelli e sorelle. La sua è una famiglia di medici, in Siria si era iscritto alla facoltà di infermeria per poter aiutare le persone del suo paese: “Volevo diventare un infermiere per aiutare i feriti. Dopo tutto quello che ho visto è il minimo che possa fare“.

Aveva da pochi mesi iniziato a frequentare l’università, quando i bombardamenti da parte dell’Isis hanno reso impossibile raggiungere l’ospedale.

Nell’aprile del 2015 il suo villaggio è stato colpito e ha perso molte persone care. Nel giugno 2016, Noori ha deciso di lasciare la Siria e si è messo in cammino con altri migranti verso l’Europa in cerca di sicurezza e di un futuro.

Il suo viaggio verso la Grecia non è stato semplice, per due volte è stato arrestato dalla polizia turca e rimandato in Siria. Al terzo tentativo il suo gruppo è stato attaccato da una banda armata e ha rischiato di perdere la vita. Finalmente, al quarto tentativo, è riuscito ad entrare in Turchia, dove è rimasto circa un mese e mezzo prima di partire per la Grecia, dove è arrivato il 28 luglio del 2016. Appena giunto in Grecia ha fatto richiesta d’asilo, ma la sua domanda è stata rifiutata due volte. Dopo il secondo rifiuto, Noori è stato arrestato senza una ragione valida.

Dalla prigione non può comunicare con i suoi parenti e adesso rischia di essere rimandato in Turchia, un paese dove non è garantito il rispetto dei diritti umani.

Noori vorrebbe solo cominciare una nuova vita, ricevere lo status di rifugiato, riprendere i suoi studi, costruirsi un futuro.

Partecipa all’azione di Amnesty International in favore di Noori

immagini dell’albo illustrato “Migrando” © M. Chiesa Mateos, Migrando, Orecchio Acerbo, Roma 2010.

Per Noori è molto importante ricevere le vostre cartoline e i vostri messaggi:

  1. Realizza da solo, con le amiche e gli amici della tua classe o con i tuoi familiari, una cartolina da inviare a Noori. Al centro della cartolina disegna un cerchio con la scritta “Open the Border”, che in italiano significa “Aprite la frontiera”, e intorno rappresenta un momento del lungo viaggio di Noori verso l’Europa. Puoi ispirarti ai disegni che vedi in queste pagine, usare i pennarelli, fare un collage o creare degli stencil. Ci piacerebbe che la cartolina fosse in bianco e nero, puoi decidere di usare come sfondo un foglio o un cartoncino nero, bianco o giallo. Mi raccomando sul retro della cartolina non ti dimenticare di scrivere un messaggio di incoraggiamento o di solidarietà per Noori. Firmalo SOLO con il tuo nome (senza indicare il cognome, la classe, la scuola o la città!).
  2. Raccogli tutte le cartoline della classe in una busta e inviali, ricordando di scrivere il mittente, entro il 20 maggio 2017 a: Azioni Urgenti Kids, Amnesty International, Via Magenta 5, 00185 Roma. Se vuoi, in alternativa, puoi anche fotografare i lavori e inviare le immagini a amnestykids@amnesty.it.

Le cartoline e i messaggi saranno pubblicati sul sito di Amnesty International Italia.
Scarica l’azione urgente