Un messaggio d’amore per l’Ungheria, dove la solidarietà è a rischio - Amnesty International Italia

Un messaggio d’amore per l’Ungheria, dove la solidarietà è a rischio

8 giugno 2018

Tempo di lettura stimato: 5'

In Ungheria la solidarietà tra gli individui è messa seriamente a rischio da un pacchetto di leggi che vuole punire le organizzazioni umanitarie e le persone che aiutano chi cerca di entrare nel paese.

Per questo motivo, lunedì 4 giugno, i membri del parlamento ungherese neoeletto hanno trovato un gigantesco pallone a forma di cuore di fronte all’edificio simbolo della nostra lotta pacifica contro chi vuole attaccare gli attivisti e le organizzazioni della società civile che lavorano per rendere l’Ungheria un posto sicuro e giusto per tutti.

Questo cuore rosso alto 10 metri vuole dire ai politici che l’amore è più forte dell’odio!

Da anni, la società civile in Ungheria è esposta a una campagna di diffamazione da parte delle autorità. Gli ultimi attacchi hanno riguardato circa 200 attivisti, accademici, avvocati, giornalisti e altre figure che hanno criticato il governo.

Il sostegno e la solidarietà internazionali sono fondamentali per mantenere viva la speranza per le persone che lavorano così duramente per un’Ungheria equa e sicura.

Il 29 maggio, con la maggioranza assoluta detenuta dalla Fidesz (il partito di Orbán, membro dei Popolari europei) allo Orszagház, il Parlamento magiaro ha approvato la cosiddetta legge “Stop Soros” che punirà come reato penale ogni aiuto ai migranti illegali fornito da Ong o da qualsiasi organizzazione umanitaria.

Secondo la legge, qualsiasi organizzazione e singolo cittadino che si renda colpevole di aiuto a entrare e restare in Ungheria a persone che non hanno i titoli per chiedere asilo politico sarà passibile di pene detentive.

Una seconda legge, sempre promossa dalla maggioranza, afferma che sarà necessario introdurre un emendamento nella Costituzione ungherese per affermare esplicitamente che sarà vietato a qualsiasi popolazione aliena (cioè in sostanza non conforme con valori occidentali e cristiani del paese magiaro) insediarsi o essere aiutata a insediarsi in Ungheria.

Oltre 22mila persone provenienti da più di 50 paesi hanno inviato messaggi di amore e solidarietà alla società civile ungherese, invitando i politici a votare contro questa proposta dannosa.

Le immagini del gigantesco cuore rosso di fronte all’imponente edificio bianco del Parlamento, incorniciate da un cielo azzurro e decorate dai raggi luminosi del sole, sono un potente simbolo del coraggio e della resistenza degli attivisti e delle organizzazioni nel paese e rappresentano il sostegno mondiale ricevuto.

La direttrice di Amnesty International Ungheria, Julia Ívan via twitter:

Molti dei messaggi di sostegno sono stati raccolti in un opuscolo di solidarietà che è stato distribuito ai parlamentari al di fuori dell’edificio del Parlamento, il 4 giugno, prima del dibattito parlamentare sul nuovo progetto di pacchetto legislativo.

I parlamentari stanno per decidere se allontanare l’Ungheria dai valori di compassione e solidarietà e dai diritti umani; da una società basata sull’amore piuttosto che sull’odio.

Hanno ancora tempo per fare l’unica cosa giusta: votare contro la serie di leggi proposte.