COMMENTO ALLE RECENTI MISURE DEL GOVERNO IN TEMA D'IMMIGRAZIONE - Amnesty International Italia

COMMENTO ALLE RECENTI MISURE DEL GOVERNO IN TEMA D’IMMIGRAZIONE

5 gennaio 2017

Tempo di lettura stimato: 2'

Alla luce delle recenti proposte del governo di incrementare gli sforzi per allontanare i migranti irregolarmente presenti sul territorio, anche attraverso un generale ritorno alla detenzione nei Centri di identificazione ed espulsione (Cie), Amnesty International Italia ha ricordato come le organizzazioni per i diritti umani ed anche la Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani abbiano ripetutamente documentato le violazioni dei diritti umani cui la detenzione nei Cie ha portato.

L’organizzazione per i diritti umani scriverà prossimamente al ministro dell’Interno per chiedere dettagli circa le misure, annunciate dalla stampa, che verrebbero adottate per garantire i diritti dei migranti nei Cie.

Nel 2016, Amnesty International ha denunciato le numerose violazioni dei diritti di migranti e rifugiati dal momento in cui arrivano in Italia (http://www.amnesty.it/appelli/italia-non-neghi-diritto-asilo/): dall’uso sproporzionato della forza per rilevare le impronte digitali, alle procedure che limitano il diritto a chiedere asilo, ai rimpatri collettivi e forzati verso paesi non sicuri come il Sudan.

Il ricorso a questo genere di rimpatri potrebbe aumentare se si confermeranno le procedure superficiali e sommarie di valutazione dei requisiti per l’asilo, caposaldo del cosiddetto “approccio hotspot”, e se verranno raggiunti ulteriori accordi tra l’Italia e paesi di origine o di transito, nei quali la situazione dei diritti umani è grave, privi di adeguate garanzie di salvaguardia dei diritti umani. L’Italia ha già ricevuto numerose condanne da parte degli organismi di giustizia europei e altre potrebbero seguire.

 

Roma, 5 gennaio 2017

Per interviste:

Amnesty International Italia – Ufficio Stampa

Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it