Francia, guida alpina prosciolta dall'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione illegale

Francia, guida alpina prosciolta dall’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione illegale

21 novembre 2019

Tempo di lettura stimato: 1'

Il 21 novembre Pierre Mumber è stato assolto dalla corte d’appello di Grenoble dall’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione illegale, dopo che in primo grado era stato condannato a tre mesi di carcere con pena sospesa.

Pierre Mumber è una guida alpina esperta e una persona buona e solidale. L’accusa nei suoi confronti era scattata dopo che il 6 gennaio 2018 aveva offerto té caldo e vestiti pesanti a quattro richiedenti asilo africani – tra cui una donna gravemente ferita – nei pressi del passo del Monginevro, lungo il confine montano tra Italia e Francia.

Le immagini televisive messe a disposizione da una troupe italiana in occasione del processo d’appello hanno smentito la ricostruzione secondo la quale Mumber aveva aperto lo sportello della macchina della polizia per favorire la discesa e la fuga dei quattro fermati.