Giappone: dopo le due impiccagioni di stamattina, si teme ondata di esecuzioni - Amnesty International Italia

Giappone: dopo le due impiccagioni di stamattina, si teme ondata di esecuzioni

27 settembre 2012

Tempo di lettura stimato: 2'

Amnesty International ha espresso il timore di una nuova ondata di esecuzioni in Giappone, dopo che stamattina sono stati impiccati per omicido Sachiko Eto e Yukinori Matsuda, rispettivamente nelle prigioni di Sendai e Fukuoka. Eto, 65 anni, è la prima donna messa a morte nel paese dal 1997.

‘Omicidi premeditati e a sangue freddo compiuti dallo stato giapponese’ – così Amnesty International ha definito le due impiccagioni di questa mattina.

Con queste due impiccagioni, sale a sette il numero delle condanne a morte eseguite in Giappone nel 2012, dopo che l’anno precedente era trascorso senza esecuzioni.

Nei bracci della morte del paese rimangono in attesa dell’esecuzione 131 prigionieri, che Amnesty International considera a rischio di impiccagione imminente.

Makoto Taki, ministro della Giustizia giapponese, sostenitore della pena di morte, ha autorizzato quattro esecuzioni nei suoi primi quattro mesi d’incarico, nonostante in campagna elettorale il Partito democratico, al potere, avesse promesso un dibattito nazionale sull’uso della pena capitale.

Le impiccagioni in Giappone avvengono in segreto e con un preavviso di poche ore, se non addirittura senza preavviso. Le famiglie vengono informate dopo l’esecuzione.

FINE DEL COMUNICATO                                      Roma, 27 settembre 2012

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail press@amnesty.it