Grecia, chiude il campo di Elliniko. Amnesty International chiede alloggi sicuri e adeguati per migranti e rifugiati

Grecia, chiude il campo di Elliniko

22 maggio 2017

© Giorgos Moutafis/Amnesty International

Tempo di lettura stimato: 2'

Alla vigilia della chiusura del campo di Elliniko, prevista la mattina di martedì 23 maggio, Amnesty International ha chiesto alle autorità greche di assicurare alloggi alternativi sicuri e adeguati alle oltre 800 persone, provenienti per la maggior parte dall’Afghanistan e finora alloggiate in tende, che verranno evacuate.

Nessuno rimpiangerà la chiusura di un campo inabitabile e insicuro, ma la mancanza di informazioni sul destino dei migranti e dei rifugiati di Elliniko è solo servita ad aumentare la paura e l’ansia“, ha dichiarato Monica Costa Riba, campaigner regionale di Amnesty International.

I residenti di Elliniko non sanno dove verranno portati. Sollecitiamo le autorità di Atene ad assicurare che nessuno di loro resti senza alloggio o sia messo in pericolo. Alloggi sicuri sono fondamentali soprattutto per le bambine e le ragazze“, ha proseguito Costa Riba.

La richiesta di Amnesty International di visitare il campo di Elliniko è stata rifiutata, ma l’organizzazione ha potuto comunque incontrare i residenti all’esterno della struttura. Tutti hanno lamentato l’assenza di informazioni, espresso il timore di rimanere in strada e manifestato contrarietà a essere trasferiti in un altro campo.