India, la lotta al Covid-19 lascia indietro i più poveri - Amnesty International Italia

India, la lotta al Covid-19 lascia indietro i più poveri

30 marzo 2020

Indraneel Chowdhury/NurPhoto

Tempo di lettura stimato: 2'

Il 24 marzo il primo ministro indiano ha annunciato tre settimane di confinamento nazionale, ai sensi della Legge sulla gestione dei disastri del 2005, per contrastare la pandemia da Covid-19.

Amnesty International India ha lanciato l’allarme: se non verranno prese misure straordinarie, milioni di lavoratori migranti, di poveri e di emarginati non avranno più accesso a servizi essenziali.

Secondo le Statistiche ufficiali per il biennio 2018-19, il 93 per cento della forza lavoro dell’India è impiegata nel settore informale, caratterizzato da limitatissime misure di sicurezza sociale.

Dall’inizio del confinamento, milioni di questi lavoratori hanno già perso il loro impiego. Altri rischiano di subire la stessa sorte, costretti a rimanere nelle loro abitazioni o in alloggi precari nei luoghi di lavoro, alla disperata ricerca di cibo e acqua potabile.

Chi non ha avuto altra scelta se non tornare a casa, per via del blocco dei trasporti pubblici su gomma e su rotaia, è stato costretto a mettersi in viaggio a piedi, da uno stato all’altro dell’India. In molti, durante il tragitto, hanno subito arresti arbitrari, maltrattamenti e altre violazioni dei diritti umani da parte della polizia per violazione dell’obbligo di rimanere in casa.

L’insensibilità delle istituzioni e la macchina della repressione sempre in funzione rischiano per milioni di indiani di essere una minaccia persino più grande del Covid-19.