Iran, tre curdi messi a morte - Amnesty International Italia

Iran, tre curdi messi a morte

8 settembre 2018

Tempo di lettura stimato: 2'

La mattina dell’8 settembre tre curdi – i cugini Zaniar e Loghman Moradi e Ramin Hossein Panahi, sono stati messi a morte nella prigione di Raja’i Shahr a Karaj.

Questo il commento di Philip Luther, direttore delle ricerche sul Medio Oriente e l’Africa del >Nord di Amnesty International:

Si tratta di una notizia orribile: nonostante le richieste delle Nazioni Unite e di altri organismi per i diritti umani di fermare le esecuzioni, queste sono avvenute ugualmente“.

Sia i cugini Moradi che Ramin Hossein Panahi avevano subito processi gravemente irregolari: per lunghi periodi di tempo dopo l’arresto non avevano potuto incontrare avvocati e familiari e in seguito avevano dichiarato di essere stati costretti a ‘confessare’ sotto tortura“.

Condannandoli a morte dopo processi del genere ed eseguendo le sentenze questa mattina, le autorità iraniane hanno ancora una volta dimostrato il loro chiaro disprezzo per il diritto alla vita“.

Per ulteriori informazioni su Zaniar Moradi, Loghman Moradi e Ramin Hossein Panahi clicca qui.