Libia: gli annegamenti di massa evidenziano il vergognoso fallimento dei governi europei nella protezione di rifugiati e migranti - Amnesty International Italia

Libia: gli annegamenti di massa evidenziano il vergognoso fallimento dei governi europei nella protezione di rifugiati e migranti

24 marzo 2017

Tempo di lettura stimato: 3'

COMUNICATO STAMPA                                                                                                 CS054-2017

A seguito delle notizie secondo le quali oltre 200 persone sarebbero annegate nel Mediterraneo al largo delle coste della Libia, Gauri Van Gulik, vice direttrice per l’Europa di Amnesty International, ha dichiarato: “L’ultima tragedia in questo crocevia mortale evidenzia il vergognoso fallimento dei governi europei nell’affrontare la crisi globale dei rifugiati. È chiaro che innalzare muri e recinzioni non sta scoraggiando i disperati dal tentativo di raggiungere la sicurezza – semplicemente mette più vite in pericolo e riempie le tasche dei trafficanti.

“Rifugiati e migranti devono affrontare orribili violazioni dei diritti umani in Libia, ma i governi europei continuano a dare priorità al tenerli fuori dall’Europa a tutti i costi. Il recente annuncio di misure per cooperare con la guardia costiera libica, che respinge le persone intercettate in Libia dove possono essere torturate, stuprate e sottoposte a condizioni terribili nei centri di detenzione, è solo l’ultimo esempio del loro approccio irrimediabilmente ottuso.

“Oltre a rafforzare le loro misure in materia di ricerca e soccorso, i leader europei potrebbero contribuire a salvare vite in mare offrendo percorsi sicuri e legali per l’Europa e sostenendo misure per proteggere i diritti umani dei rifugiati e dei migranti all’interno della Libia. Quanto alta deve essere la conta delle vittime prima che i governi europei accettino che la loro strategia attuale non funziona?”

FINE DEL COMUNICATO                                                                                Roma, 24 marzo 2017

Per maggiori informazioni:

appello da firmare per fermare i rimpatri:
https://www.amnesty.it/appelli/italia-non-neghi-diritto-asilo/
Capitolo relativo alla Libia tratto dal Rapporto 2016-2017 di Amnesty International
https://www.amnesty.it/rapporti-annuali/rapporto-annuale-2016-2017/medio-oriente-africa-del-nord/libia/

Per interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it