Marocco: confermata in appello la condanna di Nawal Benaissa - Amnesty International Italia

Marocco: confermata in appello la condanna di Nawal Benaissa

18 gennaio 2019

© Abdellah Azizi

Tempo di lettura stimato: 2'

Il 17 gennaio la corte d’appello di al-Hoceima ha confermato la condanna di Nawal Benaissa, leader del movimento di protesta Hirak el-Rif.

Arrestata ben quattro volte tra giugno e settembre 2017, nel febbraio 2018 Nawal Benaissa è stata condannata a 10 mesi di carcere, con sospensione della pena, e a una multa di 500 dirham (circa 46 euro) per “protesta in una manifestazione non comunicata”, “offesa a pubblico ufficiale” e “istigazione a commettere atti di violenza”.

Questo verdetto è un insulto alla giustizia. L’unico ‘reato’ di Nawal è stato quello di aver aderito a un movimento pacifico di protesta che rivendica i diritti della popolazione della regione del Rif. Le autorità del Marocco l’hanno presa di mira per il suo ruolo nel movimento Hirak el-Rif e per convincere altri a non prendere parte alle proteste. Invece di continuare a perseguitare manifestanti pacifici e difensori dei diritti umani, le autorità dovrebbero annullare la sua condanna e proscioglierla da ogni accusa”, ha dichiarato Heba Morayef, direttrice di Amnesty International per il Medio Oriente e l’Africa del Nord.

Le proteste del movimento Hirak el-Rif sono iniziate nella città di al-Hoceima nell’ottobre 2016. I manifestanti chiedono la giustizia sociale e la fine dell’emarginazione subita dalle comunità locali.