Produttore di birra giapponese interrompe la collaborazione coi militari di Myanmar - Amnesty International Italia

Produttore di birra giapponese interrompe la collaborazione coi militari di Myanmar

11 Febbraio 2021

La sede della Kirin Holding (Foto di Kakidai, Wikimedia Commons)

Tempo di lettura stimato: 1'

C’è voluto un colpo di stato per arrivare al risultato che molte organizzazioni per i diritti umani sollecitavano da tempo: il 5 febbraio la Kirin Holding, tra le aziende giapponesi più importanti nella produzione di birra, ha annunciato pubblicamente che abbandonerà un progetto economico in joint venture con la Myanmar Economic Holdings Limited, controllata dalle forze armate locali, che a sua volta controlla i due principali fornitori di birra di Myanmar, Myanmar Brewery e Mandalay Brewery.

La Kirin Holding aveva deciso di investire in Myanmar a seguito delle elezioni democratiche del 2015. Ora, ha dichiarato l’azienda, la situazione attuale è in contrasto con i suoi standard di business e contro i principi fondamentali dei diritti umani.

Le buone notizie di Amnesty International Italia sono anche su Pressenza.