Conflitto in Yemen, missili huthi contro Arabia Saudita

Conflitto in Yemen, missili huthi contro Arabia Saudita: “Possibili crimini di guerra”

26 marzo 2018

© AHMAD AL-BASHA/AFP/Getty Images

Tempo di lettura stimato: 2'

Nella notte tra il 25 e il 26 marzo il gruppo armato huthi ha lanciato sette missili contro Riad e altre città dell’Arabia Saudita, uccidendo un civile.

Secondo l’agenzia di stampa statale saudita, i sette missili sono stati intercettati e distrutti ma un civile egiziano è morto dopo essere stato colpito dalle schegge.

L’attacco degli huthi ha coinciso col terzo anniversario dell’inizio della campagna di attacchi aerei nello Yemen diretta dall’Arabia Saudita.

Lanciare attacchi indiscriminati è proibito dal diritto internazionale umanitario e può costituire crimine di guerra. È stato evitato un ampio numero di vittime, probabilmente perché i missili sono stati intercettati, ma questo non scagiona gli huthi dall’aver compiuto un atto illegale e sconsiderato“, lo ha dichiarato Samah Hadid, vicedirettrice delle campagne di Amnesty International sul Medio Oriente, che ha aggiunto:

Missili come quelli lanciati contro l’Arabia Saudita non possono avere una mira precisa da grande distanza. Di conseguenza, il loro uso illegale mette in pericolo i civili”.

Negli ultimi tre anni abbiamo ampiamente documentato come tutte le parti in conflitto nello Yemen abbiano violato il diritto internazionale. Gli attacchi aerei della coalizione guidata dall’Arabia Saudita hanno distrutto o danneggiato case, ospedali, scuole e mercati”.

“Migliaia di civili hanno perso la vita e milioni sono sfollati e in estrema necessità di ricevere aiuti umanitari. Ma violare il diritto internazionale umanitario da una parte non autorizza gli altri a fare altrettanto”, ha concluso Hadid.