Grecia, nuova legge sullo stupro basata sul consenso: "Vittoria storica"

Grecia, nuova legge sullo stupro basata sul consenso: “Vittoria storica per le donne”

6 giugno 2019

Tempo di lettura stimato: 2'

Una vittoria storica per le donne. Da oggi la legislazione greca riconosce l’ovvio e cioè che il sesso senza consenso è stupro e chiarisce che non è richiesta la violenza fisica perché un reato sia considerato stupro”.

Così Eirini Gaitanou, campaigner di Amnesty International Grecia, ha commentato la capitolazione del governo di Atene che, all’ultimo minuto, ha accolto un emendamento a una proposta di legge inizialmente pessima.

Il testo originario presentato dal governo non solo non riconosceva che il sesso senza consenso è stupro ma limitava ulteriormente la definizione del reato di stupro già subordinata alla commissione di violenza fisica.

Prima del dibattito in parlamento, avevamo preso parte a una consultazione pubblica sulla definizione di stupro e avevamo presentato al governo un’analisi sul dispositivo dell’articolo 336 del codice penale chiedendo di introdurre il criterio dell’assenza del consenso.

La Grecia diventa il nono paese europeo, tra i 31 su cui abbiamo svolto ricerca, a riconoscere per legge che il sesso senza consenso è stupro.

In questo report abbiamo spiegato la situazione nei paesi del Nordeuropa.

Qui le informazioni sull’annuncio del governo della Danimarca: Legge sullo stupro basata sul consenso: il primo ministro danese accoglie la richiesta di Amnesty International.