Patto su migrazione e asilo dell'Unione europea: per Amnesty International una "falsa partenza" - Amnesty International Italia

Patto su migrazione e asilo dell’Unione europea: per Amnesty International una “falsa partenza”

24 Settembre 2020

Tempo di lettura stimato: 2'

Commentando il nuovo Patto su migrazione e asilo reso noto il 23 settembre dalla Commissione europea, la direttrice di Amnesty International Unione europea Eve Geddie ha diffuso questa dichiarazione:

Descritto come una nuova partenza, questo Patto in realtà renderà più alte le mura e rafforzerà le barriere dell’Unione europea. Anziché proporre un nuovo approccio per aiutare le persone a trovare salvezza, pare un tentativo di riverniciare un sistema da anni fallimentare, destinato a produrre conseguenze amare“.

Questo Patto non farà niente per alleviare la sofferenza di migliaia di persone bloccate nei campi delle isole greche o nei centri di detenzione della Libia né fornirà il necessario sostegno agli stati membri di primo arrivo“.

Apprezziamo l’impegno a monitorare quanto accade alle frontiere, ma sottolineiamo che il Patto rende norma la detenzione e si basa sulla deterrenza, sul trattenimento nei campi e sulla cooperazione con governi che violano i diritti umani“.

I decisori politici europei ora devono migliorare le proposte contenute nel Patto, investendo nella dignità e nella protezione delle persone. Devono sviluppare un piano ambizioso che preveda percorsi legali e sicuri e assicurare un approccio umano, sostenibile e durevole“.