Cipro - Amnesty International Italia

REPUBBLICA DI CIPRO

Capo di stato e di governo: Nicos Anastasiades

I colloqui di pace per la riunificazione dell’isola condotti sotto l’egida delle Nazioni Unite sono stati interrotti a inizio luglio. Le condizioni di accoglienza per i richiedenti asilo sono rimaste motivo di preoccupazione.

CONTESTO

A inizio luglio, dopo intensi negoziati, i colloqui di pace ad alto livello per la riunificazione di Cipro non sono giunti a un accordo tra le parti. I leader greco-cipriota e turco-cipriota non sono riusciti ad accordarsi su questioni legate alla sicurezza, compreso il ritiro delle truppe turche, e alla proprietà.

DIRITTI DI RIFUGIATI E MIGRANTI NELLA REPUBBLICA DI CIPRO

A febbraio 2017, la Corte suprema ha respinto un’istanza contro la detenzione e l’estradizione del cittadino egiziano Seif el-Din Mostafa, accusato di aver dirottato un aereo della EgyptAir, nel marzo 2016. Nonostante i timori che l’uomo, se rimpatriato in Egitto, sarebbe stato a rischio concreto di tortura o altri maltrattamenti, la Corte suprema ha deciso di non accettare ulteriori prove relative al rischio di tortura.

La Corte ha stabilito che il ricorrente poteva essere estradato, senza tener conto del fatto che non era ancora stata emessa una decisione definitiva in merito alla sua richiesta di asilo. A novembre, la Corte suprema ha respinto un appello presentato contro il suo precedente ordine. Tuttavia, il giorno stesso la Corte europea dei diritti umani ha fermato l’estradizione in Egitto di Seif el-Din Mostafa.

A maggio, il Comitato Cerd ha espresso preoccupazione in merito alle limitate opportunità lavorative per i richiedenti asilo presenti sull’isola, all’insufficienza delle misure di assistenza sociale a loro destinate e alla scarsità di strutture ricettive. Il Comitato si è anche detto preoccupato per l’insufficiente accesso ai servizi per i richiedenti asilo ospitati nel centro di accoglienza e alloggio per i richiedenti protezione internazionale di Kofinou, l’unico centro ufficiale di ricezione per i richiedenti asilo sull’isola.

A settembre, la Ngo Future Worlds Center ha fatto presente la necessità di un piano d’accoglienza d’emergenza, soprattutto in caso di un aumento degli arrivi dei rifugiati via mare. Secondo l’agenzia sulla Migrazione delle Nazioni Unite, tra gennaio e novembre, 851 persone sono arrivate a Cipro via mare, in confronto alle 345 dell’anno precedente.

SPARIZIONI FORZATE NELLA REPUBBLICA DI CIPRO

Da gennaio e fine dicembre, il comitato per le persone scomparse a Cipro (Committee of missing persons in Cyprus – Cmp) ha riesumato i resti di 46 persone, portando a 1.217 il numero totale di esumazioni effettuate dal 2006. Tra il 2007 e il 31 dicembre 2017, sono stati identificati i resti di 855 persone scomparse (645 greco-ciprioti e 210 turco-ciprioti).

DISCRIMINAZIONE NELLA REPUBBLICA DI CIPRO

A maggio, il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità ha espresso preoccupazione per l’insufficiente accesso all’assistenza sanitaria da parte delle persone con disabilità, per l’alto livello di disoccupazione e per le carenti misure per promuoverne l’accesso all’impiego in un mercato del lavoro aperto.

TORTURA E ALTRI MALTRATTAMENTI NELLA REPUBBLICA DI CIPRO

Ad aprile, la Corte europea dei diritti umani ha stabilito che il difensore civico di Cipro e il meccanismo nazionale per i reclami contro la polizia non avevano indagato in modo efficace sul presunto maltrattamento di un cittadino keniota durante la sua espulsione, avvenuta a marzo 2007 (Thou vs. Cipro). La Corte ha anche stabilito che le condizioni di detenzione del ricorrente nel carcere centrale di Nicosia equivalevano a trattamento degradante.

A fine agosto, un cittadino turco di 60 anni ha denunciato di essere stato maltrattato da un agente di polizia, fuori e dentro una stazione di polizia vicina a uno dei punti di attraversamento designati della zona cuscinetto delle Nazioni Unite. A fine anno, l’episodio era oggetto d’indagine da parte del meccanismo nazionale per i reclami contro la polizia.

Continua a leggere

Ultime notizie sul paese