Sgombero di via Curtatone: le reazioni - Amnesty International Italia

Sgombero di via Curtatone: le reazioni

25 agosto 2017

Tempo di lettura stimato: 2'

Il 19 agosto in via Curtatone a Roma è avvenuto lo sgombero di un palazzo occupato dal 2013 da una comunità composta in larga parte da rifugiati e richiedenti asilo del Corno d’Africa.

Lo sgombero è stato eseguito in mancanza di una soluzione alternativa di alloggio, col risultato che centinaia di persone (compresi minori e disabili) sono state costrette a dormire nella piazza antistante il palazzo sgomberato o in altri luoghi di fortuna ha dichiarato in una nota ufficiale Gianni Rufini, direttore generale di Amnesty International Italia.

Immediata la richiesta di fornire una soluzione e un alloggio alle circa sessanta persone coinvolte dalle operazioni di polizia.

Auspichiamo che gli incontri e i negoziati in corso possano nell’immediato fornire un alloggio sicuro agli sgomberati e porre le basi per una seria politica di accoglienza, da parte del comune di Roma, di cui vi è urgente bisogno.  

Il 25 agosto il portavoce di Amnesty International Italia ha ribadito in un’intervista al sito di Repubblica la condanna della nostra organizzazione per l’uso “eccessivo e ingiustificato” della forza da parte delle forze di polizia coinvolte nell’operazione di sgombero.

Le autorità di questa città devono porre in essere un piano di accoglienza serio” ha concluso Noury.