Dall'Afghanistan alla Grecia: l'incredibile viaggio di Soraya - Amnesty International Italia

Dall’Afghanistan alla Grecia: l’incredibile viaggio di Soraya

5 ottobre 2018

© Lene Christensen

Tempo di lettura stimato: 3'

Ricorda che di fronte a te c’è una porta. Se apri questa porta, vedrai la luce. Devi solo raggiungere quella porta

Queste parole sono la forza di Soraya, una ragazza di 24 anni che viene dall’Afghanistan e che oggi vive ad Atene, dopo essere stata accolta nell’isola greca di Chios.
Da marzo 2017, abbiamo parlato con oltre 100 donne e ragazze che sono fuggite dalle loro terre e che vivono in campi e appartamenti sulle isole greche o sulla Grecia continentale.

Dall’Afghanistan all’Iran alla Grecia

Quando incontriamo Soraya in un centro per donne migranti e rifugiati ad Atene, in Grecia, la figlia di un anno Mohanaa è seduta sulle sue ginocchia.

Mohana è nata in Grecia, a migliaia di chilometri di distanza dall’Iran, dove Soroya è cresciuta, dopo che la sua famiglia era fuggita dalla loro terra natale, l’Afghanistan.

Ora Soraya spera di stabilirsi definitivamente con la sua famiglia in un paese straniero. Lei sa che la aspettano ancora giorni difficili.

Nonostante la gravità della situazione in atto, i paesi più ricchi continuano ancora oggi a privilegiare le politiche e le misure atte a bloccare il movimento dei rifugiati e dei migranti, spesso delegando ad altri stati situati nelle regioni più vicine alle aree in guerra la responsabilità per l’accoglienza delle persone bisognose di protezione.

Basti pensare che tra i primi 10 paesi per numero di persone accolte, 9 sono nazioni dove il reddito medio è molto basso e che sono agli ultimi posti dell’indice di sviluppo umano.

Approfondisci »

Il pericoloso viaggio che Soraya ha intrapreso e la lotta per tenere al sicuro i suoi tre figli le hanno insegnato a non sottovalutare le proprie forze.

Le donne hanno diritti. Voglio decidere del mio futuro. La cosa più importante è raggiungere questo obiettivo e farlo capire anche agli uomini“.

Da essere una persona che anni fa non voleva che la sua foto fosse scattata, ora guarda direttamente nella telecamera. La sua voce è ferma.

"Come donne, dobbiamo lottare per ottenere i nostri diritti, per noi e per i nostri figli"

Il tormentato viaggio verso la Grecia

Ci sono ricordi nella vita che possono essere richiamati in un batter d’occhio. Basta un odore, un’immagine.

Per Soraya, molti di questi momenti sono legati al viaggio attraverso il Mar Egeo, mentre era in pericolo di vita con suo marito e i suoi figli.

Alcuni mesi prima, avevano preso la difficile decisione di fuggire dall’Iran. Il ritorno in patria, l’Afghanistan devastato dalla guerra, era impossibile. L’unica speranza era l’Europa, anche a rischio della propria vita.

Soraya non dimenticherà mai il suono fragoroso che ha sentito dopo aver camminato per quasi sette ore per raggiungere la costa turca. Il rumore divenne sempre più forte, come un macchinario pesante. Pensò che avrebbe visto grandi fabbriche dietro l’angolo.

Ciò che vide furono enormi onde che sbattevano sulla riva.

Quelle acque feroci avrebbero dovuto trasportare Soraya e i suoi cari in Grecia quella notte. Una piccola barca li stava aspettando, così come aspettava dozzine di altre persone che erano fuggite dalle loro terre.

Gli scafisti dissero loro di imbarcarsi rapidamente.

Era buio, faceva freddo e c’era caos.

Lottando per salvare se stessa e la sua famiglia, Soraya cadde nelle acque tre volte.

L’ultima volta, bagnata fradicia, urlò “no!” Piangendo, si rifiutò di salire a bordo. “Se prendiamo questa barca ora, moriremo“, gridò.

Altre persone iniziarono a unirsi alle sue grida per fermare il viaggio.

Alla fine, i contrabbandieri accettarono di aspettare. Si accalcarono attorno a un piccolo fuoco sulla spiaggia, cercando di combattere la paura e il freddo pungente. Alle quattro del mattino, il mare si era calmato leggermente e i contrabbandieri avevano trovato un’altra barca.

Questa volta partirono, stretti insieme, difficilmente in grado di muoversi.

Le immagini dei suoi figli che tremano e vomitano nella piccola barca saranno impresse per sempre nella sua mente.

Ma sono sopravvissuti.

La mattina del 12 marzo 2016, hanno messo i piedi sull’isola greca di Chios.

La forza delle donne

Ad Atene, Soraya ha conosciuto molte altre donne che sono fuggite dai loro paesi e che hanno anche a che fare con l’agghiacciante incertezza di non sapere cosa ha in serbo il futuro.

Alcuni di loro andranno a Melissa Network, una comunità per sole donne in cui Soraya ha frequentato corsi di lingua e ha ricevuto supporto per quasi due anni.

Qualcosa si è mosso dentro di lei quella notte sulla costa turca. Stare in piedi contro i contrabbandieri le fece capire che aveva una voce degna di essere ascoltata.

Il mio sogno per me e per tutte le donne è avere la libertà di prendere le mie decisioni“.