Malawi - Amnesty International Italia

Ultime notizie sul paese

 

REPUBBLICA DEL MALAWI

Capo di stato e di governo: Arthur Peter Mutharika

Ci sono stati nuovi attacchi contro persone albine e almeno sette persone sono state uccise e i loro corpi mutilati. Le persone affette da albinismo hanno continuato anche a subire forme d’isolamento sociale. Le autorità hanno represso con violenza le proteste degli studenti contro gli aumenti delle tasse universitarie. Oppositori politici del governo sono stati arrestati e incriminati per tradimento.

DISCRIMINAZIONE – PERSONE CON ALBINISMO

Le persone affette da albinismo hanno continuato a essere vittime di aggressioni violente e mutilazioni[1]. Nonostante questi episodi siano stati pubblicamente condannati dalle più alte cariche istituzionali, compreso il presidente, alle vittime e ai loro familiari è stato ripetutamente negato il diritto a ottenere giustizia e riparazione.

A marzo, è stato nominato un consulente legale speciale con il compito di coadiuvare il pubblico ministero nel perseguimento penale dei reati legati alle persone con albinismo. A luglio, il parlamento ha approvato una serie di emendamenti alla legge sull’anatomia e al codice penale, che hanno aumentato le pene previste per il traffico di parti anatomiche e possesso di cadavere o altro tessuto umano. Le modifiche sono entrate in vigore a settembre.

Almeno sette persone affette da albinismo sono state uccise durante l’anno e molte altre sono state vittime di aggressioni. Tra le persone uccise dalle bande criminali c’era anche una bambina di appena 23 mesi, Whitney Chilumpha, e Harry Mokoshoni, di nove anni.

A maggio, uomini non identificati hanno ucciso e mutilato Fletcher Masina, un uomo affetto da albinismo, mentre lavorava nel giardino di casa.

A luglio, nel villaggio di Mweneipenza 5, al confine con la Tanzania, Lucia Kainga è stata vittima di un’aggressione e uomini non identificati le hanno tagliato la mano destra. Suo marito è stato indotto con l’inganno ad aprire la porta a un aggressore che aveva finto di avere bisogno d’aiuto.

Il 19 agosto, un capo villaggio è stato arrestato dopo aver tentato di vendere un bambino albino di sette anni nel distretto di Phalombe. È stato sottoposto a custodia cautelare in attesa del processo.

L’ignoranza e la stigmatizzazione sociale associate all’albinismo hanno inoltre frequentemente contribuito alla negazione dei diritti economici, sociali e culturali delle persone albine, che tra le altre cose hanno subìto: l’esclusione dai programmi di riduzione della povertà, l’assenza di forme di sostegno scolastico per risolvere le problematiche legate al bullismo e alle difficoltà di apprendimento, la mancanza di soluzioni rispetto alle loro specifiche necessità di cura e l’assenza di opportunità economiche.

REPRESSIONE DEL DISSENSO

A febbraio, tre parlamentari del Partito del congresso del Malawi sono stati arrestati: il portavoce Jessie Kabwila, Ulemu Msungama e Peter Chankwantha. Sono stati rilasciati su cauzione, dopo che nei loro confronti era stata formulata l’imputazione di tradimento in relazione ad alcuni messaggi postati sui social network. Il loro arresto costituiva una violazione dell’immunità parlamentare.

A luglio, gli studenti dell’università del Malawi hanno indetto una protesta, dopo che il governo aveva imposto un aumento del 300 per cento delle tasse universitarie. Al Chancellor College, a Zomba, la polizia ha fatto irruzione negli ostelli e lanciato gas lacrimogeni contro gli studenti che avevano cercato riparo nelle loro stanze. Un video ha mostrato i poliziotti che schiaffeggiavano due studentesse. Il 26 luglio, 14 studenti del Politecnico del Malawi, vicino a Blantyre, sono stati arrestati e formalmente accusati di condotta finalizzata al disturbo della quiete. Sono stati in seguito rilasciati su cauzione. Undici studenti del Kamuzu College per le scienze infermieristiche sono stati anch’essi arrestati e incriminati per “istigazione alla violenza” e successivamente rilasciati su cauzione.

[1] Malawi: We are not animals to be hunted or sold − violence and discrimination against people with albinism in Malawi (AFR 36/4126/2016).

Continua a leggere