Il 2018 nei traguardi raggiunti insieme: le buone notizie

I traguardi che abbiamo raggiunto grazie a te

29 dicembre 2018

Tempo di lettura stimato: 1'

Giunti al termine del 2018 vogliamo raccontarvi cosa abbiamo fatto quest’anno grazie al vostro aiuto e supporto.

Dopo un primo bilancio fatto a giugno ecco alcune delle migliori buone notizie della seconda parte del 2018.

Sostieni il nostro lavoro

Tep Vanny finalmente libera!

Dopo 735 giorni di carcere, il 20 agosto 2018 un provvedimento di grazia firmato dal re ha consentito a Tep Vanny, leader del movimento per il diritto alla casa della Cambogia, di tornare libera.

Sono stati, i suoi, due anni di detenzione ingiusta, dovuti solo alle sue lotte pacifiche per il diritto all’alloggio.

Il 23 febbraio 2017 Tep Vanny era stata condannata a due anni e mezzo di carcere per “violenza intenzionale aggravata”. La sua unica colpa era quella di aver preso parte, nel 2013, a una protesta, convocata di fronte all’abitazione del primo ministro Hun Sen, per chiedere il rilascio di un’attivista della comunità del lago Boeung Kak. Tep Vanny si era schierata al fianco di questa comunità a rischio di sgombero in nome di uno dei tanti progetti di “riqualificazione urbanistica” (in altre parole, per fare spazio ad abitazioni di lusso e centri commerciali) in corso nella capitale Phnom Penh.

Nell’ultimo anno e mezzo oltre 200.000 persone hanno firmato l’appello di Amnesty International per chiedere la sua scarcerazione.

Dona ora

A luglio, Liu Xia, vedova del Nobel per la pace Liu Xiaobo deceduto nel 2017, ha finalmente potuto lasciare la Cina.

Era agli arresti domiciliari da quando, nel 2010, suo marito Liu Xiaobo fu insignito del premio Nobel per la pace, che non poté mai ritirare perché era in prigione. Per tutta la durata degli arresti domiciliari, Liu Xia ha potuto comunicare via telefono solo con gli amici più stretti e in circostanze limitate.

Il tuo sostegno conta

Il 29 Luglio, Ahed Tamimi, l’attivista palestinese condannata a otto mesi per aver spintonato e preso a schiaffi e calci due soldati israeliani dotati di armi pesanti ed equipaggiamento protettivo, è stata rilasciata con 21 giorni di anticipo sulla fine della pena.

Arrestata il 19 dicembre 2017 nel suo villaggio natale di Nabi Saleh, era stata giudicata colpevole di incitamentoassalto aggravato e impedimento a ciascuno dei due soldati di portare avanti il suo lavoro. Quattro giorni prima il filmato dell’accaduto era stato postato su Facebook dalla madre, Nariman Tamimi, a sua volta rilasciata.

Dona ora

Le altre buone notizie del 2018

  • Salah Hammouri, un avvocato franco-palestinese e attivista per i diritti umani, è stato rilasciato dalla prigione di Ketziot nel sud di Israele dopo aver trascorso un anno in detenzione amministrativa senza alcuna accusa né processo. La nostre azioni per lui sono cominciate ad agosto del 2017.
  • Il 10 ottobre si è celebrata la Giornata mondiale contro la pena di morte, ed è stata accolta con la buona notizia che il nuovo governo malese ha annunciato che intende abolire completamente la pena di morte, andando oltre il precedente impegno di rimuovere la pena di morte solo per determinati crimini.
  • A settembre, la Corte europea dei diritti umani ha stabilito che le leggi in vigore nel Regno Unito sulla sorveglianza di massa violano il diritto alla riservatezza e la libertà d’espressione. Questo rappresenta un significativo passo in avanti nella protezione della privacy e della libertà di espressione in tutto il mondo, dopo cinque anni di contenzioso partito anche dalla nostra azione.
  • Dopo la prima riunione ministeriale dell’Alleanza globale per un commercio senza torture, altri sette paesi hanno unito le forze per imporre controlli internazionali sul commercio di strumenti e attrezzature utilizzati per la tortura e la pena di morte.
  • In India, il 14 settembre, il giovane leader dell’Esercito Bhim, Chandrashekhar Azad ‘Ravan’ si è riunito con la sua famiglia e gli amici, dopo 15 mesi di reclusione. Questo è stato possibile grazie alla campagna instancabile dei suoi sostenitori e attivisti in tutta l’India che hanno firmato petizioni, twittato e richiesto il suo rilascio.
  • Il Qatar ha annunciato di aver abolito il permesso di uscita per la maggior parte dei lavoratori migranti, parte del famigerato sistema di sponsorizzazione della kafala (una forma di schiavitù) nel paese. Questa è stata una delle prime importanti riforme implementate come parte della partnership del Qatar con l’Organizzazione Internazionale del Lavoro ed ha fatto seguito ad anni di ricerche e campagne di Amnesty per evidenziare abusi su larga scala in Qatar, anche in luoghi legati alla Coppa del Mondo del 2022.
  • La Corte Suprema dell’India ha depenalizzato le relazioni omosessuali consensuali tra adulti e ha aggiunto che qualsiasi discriminazione basata sull’orientamento sessuale è una violazione dei diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione.
  • Una larga maggioranza del Parlamento europeo ha votato una risoluzione che chiede un divieto internazionale di sistemi di armi autonome letali, facendo eco alle richieste di Amnesty. Questo è un altro passo importante che mostra come sta crescendo il momento
  • Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC) ha emesso una sentenza rivoluzionaria contro il Canada per obbligarlo a garantire accesso ai servizi sanitari essenziali anche alle persone prive di regolare status di immigrato. Amnesty International e la Rete internazionale per i diritti economici, sociali e culturali (la rete ESCR) hanno fornito pareri legali che sono stati considerati dall’UNHRC al momento di emettere la sentenza.
  • Taner Kılıç, presidente onorario di Amnesty International Turkey, è stato rilasciato il 15 agosto dopo oltre 14 mesi in prigione. Si è riunito con la sua famiglia dopo la sentenza di un tribunale di Istanbul. Durante gli ultimi 14 mesi, l’intero movimento ha combattuto compatto per la libertà di Taner. Nulla cancellerà l’ingiustizia che Taner ha subito, rinchiuso e tenuto lontano dalla sua famiglia e dai suoi amici senza uno straccio di prova contro di lui.  Più di un milione di persone hanno firmato i nostri appelli per chiedere il rilascio di Taner Kılıç e di altri 10 difensori dei diritti umani turchi dopo il loro arresto la scorsa estate.
  • In Tagikistan il giornalista e prigioniero di coscienza Khayrullo Mirsaidov è stato rilasciato il 22 agosto da un tribunale dopo oltre otto mesi dietro le sbarre per aver parlato della corruzione al governo. È stato arrestato il 5 dicembre 2017. Il tribunale ha sostituito il suo periodo di detenzione con una multa e lo ha condannato a un anno di servizio civile.
  • In Mauritania, due attivisti anti-schiavisti, Abdallahi Matallah Seck e Moussa Biram, sono stati rilasciati dopo 743 giorni di carcere. Mattalah ci ha detto: “Il vostro sostegno mi ha fatto sentire che non siamo soli nella nostra lotta per la giustizia in Mauritania“. Biram ha dichiarato: “Vorrei esprimere la mia gratitudine a ciascun membro di Amnesty. Grazie per il vostro straordinario lavoro che punta a liberare attivisti anti-schiavisti in Mauritania. Grazie per esserci contro l’ingiustizia. Siamo orgogliosi del vostro lavoro“.
  • Le autorità cubane hanno rilasciato l’ambientalista incarcerato Ariel Urquiola condannato a un anno di detenzione, dopo lo sciopero della fame e le pressioni di Amnesty. In seguito Ariel ha inviato un messaggio ad Amnesty, dicendo “Grazie per tutto l’aiuto che avete dato alla mia famiglia e a me per raggiungere questo obiettivo. Senza di voi non penso che sarebbe stato possibile“.
  • In Paraguay, la Corte Suprema di Giustizia ha assolto 11 persone e ha ordinato il rilascio di altre quattro persone condannate ingiustamente per la morte di sei agenti di polizia durante uno sfratto violento nel distretto di Curuguaty nel 2012. Questa è una grande vittoria dopo sei anni di lotta per la giustizia da parte di Amnesty Paraguay e dell’ufficio regionale.
  • Abbiamo assistito a passi avanti positivi in ​​altre aree delicate come la Siria. Dopo aver inizialmente negato e condannato le nostre scoperte sulle vittime civili a Raqqa, la Coalizione guidata dagli Stati Uniti ha annunciato che, alla luce delle nuove prove di Amnesty, avrebbe rivalutato quattro casi precedentemente chiusi ed esaminato un nuovo caso.
  • Nel Sud Sudan, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha finalmente annunciato l’imposizione di un embargo sulle armi. Lo stiamo discutendo da anni, anche in un importante rapporto sull’impatto devastante delle forniture di armi ai civili coinvolti nel conflitto.
  • Abbiamo lanciato un nuovo importante rapporto sulla responsabilità dei crimini contro l’umanità commessi contro la popolazione Rohingya in Myanmar. Il rapporto identificava unità militari e di sicurezza specifiche, nonché 13 singoli funzionari. Due giorni prima del lancio, l’UE ha annunciato sanzioni contro sette funzionari delle forze di sicurezza – sei dei quali erano nella nostra lista. Giorni dopo, il Canada ha annunciato ulteriori sanzioni individuali e riteniamo che gli Stati Uniti siano pronti a imporre ulteriori sanzioni a breve.

Difendi i diritti di tutti