7 giugno: inaugurazione de 'La camera scura' e mobilitazione per Troy Davis - Amnesty International Italia

7 giugno: inaugurazione de ‘La camera scura’ e mobilitazione per Troy Davis

4 giugno 2010

Tempo di lettura stimato: 5'

Dall’8 al 20 giugno al Palazzo delle Esposizioni di Roma la mostra fotografica di Amnesty International ‘La camera scura’: 13 attrici e attori contro la pena di morte. Lunedì 7, inaugurazione e lancio della mobilitazione internazionale per Troy Davis, condannato a morte negli Usa

CS053: 01/06/2010

Verrà inaugurata lunedì 7 giugno al Palazzo delle Esposizioni di Roma la mostra fotografica di Amnesty International ‘La camera scura‘ per cui hanno posato 13 attrici e attori: Luca Argentero, Giulia Bevilacqua, Carolina Crescentini, Sabrina Impacciatore, Peppino Mazzotta, Giulia Michelini, Ana Caterina Morariu, Filippo Nigro, Lara Okwe, Vittorio Emanuele Propizio, Primo Reggiani, Dino Santoro e Gianmarco Tognazzi.
                  
La mostra, che potrà essere visitata a ingresso libero dall’8 al 20 giugno, è stata realizzata nell’ambito del progetto ‘Sono contro la pena di morte perché…’ della Sezione Italiana di Amnesty International, grazie alla speciale collaborazione dello IED – Istituto Europeo di Design e con il contributo della Regione Toscana, della Regione Campania e dell’Unione europea. Le fotografie sono di Angelo Di Pietro e la direzione artistica di Mario Vaglio. 
 
Obiettivo del progetto è creare consapevolezza sulla brutalità della pena di morte coinvolgendo testimonial del mondo dell’arte e dello spettacolo e utilizzando diverse forme di espressione come la fotografia, il disegno, il racconto. Ne ‘La camera scura’, il filo conduttore è lo stencil, una tecnica molto diffusa, riconoscibile e di grande impatto visivo: disegni stilizzati, realizzati tramite una semplice maschera di cartone e una bomboletta spray.
 
Ogni scatto della mostra ritrae un testimonial che interpreta un condannato a morte raccontando, attraverso uno stencil posto sul muro della cella, una storia, affrontando un aspetto specifico legato alla pena capitale associato a un caso seguito da Amnesty International. 
 
Lunedì 7 giugno, in occasione dell’inaugurazione e alla presenza di molti dei testimonial de ‘La camera scura’, Amnesty International lancerà anche in Italia la mobilitazione mondiale per salvare la vita a Troy Davis, che si trova nel braccio della morte della Georgia, Usa, dal 1991 per l’omicidio di un agente di polizia. Non è mai emerso un corpo del reato che colleghi Davis all’omicidio e sette dei nove testimoni oculari che lo avevano accusato hanno successivamente ritrattato le dichiarazioni. 
 
Il 23 giugno si terrà a Savannah, Georgia, l’udienza disposta dalla Corte suprema federale degli Usa per ascoltare ulteriori testimonianze e valutare se le prove possono ora stabilire chiaramente l’innocenza dell’imputato. Davis è stato per ben tre volte a un passo dall’esecuzione.

Ulteriori informazioni
 
Hanno finora confermato la propria presenza all’inaugurazione Giulia Bevilacqua, Giulia Michelini, Filippo Nigro, Lara Okwe, Vittorio Emanuele Propizio, Primo Reggiani e Dino Santoro. Sarà anche presente Christine Weise, presidente della Sezione Italiana di Amnesty International.

Scarica la scheda ‘La pena di morte nel mondo: l’eccezione, non più la regola’

FINE DEL COMUNICATO                                                              Roma, 1 giugno 2010
 
I giornalisti interessati a prendere parte all’inaugurazione potranno richiedere l’invito, così come ogni altra informazione, a:

Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it