Colombia, dura condanna per l’uccisione di un giornalista - Amnesty International Italia

Colombia, dura condanna per l’uccisione di un giornalista

5 febbraio 2018

Foto di LUIS ROBAYO/AFP/Getty Images - manifestazione per la pace a Calì

Tempo di lettura stimato: 2'

L’esecutore materiale dell’omicidio di Luis Antonio Peralta Quellar, giornalista radiofonico assassinato nel 2015 insieme alla moglie Sofia Quintero, non è più impunito.

Il 2 febbraio un tribunale di Florencia, nella regione sudoccidentale di Caquetá, ha condannato Yean Arlex Buenaventura a 58 anni e tre mesi di carcere.

Peralta aveva 63 anni e vantava un’esperienza più che trentennale di giornalismo. Da Linda Stereo, l’emittente radiofonica di cui era proprietario e direttore, parlava di affari, contratti, petrolio e della corruzione che girava intorno all’economia locale.

Quella di Florencia è la seconda dura condanna emessa negli ultimi sei mesi per l’omicidio di un giornalista.

Lo scorso settembre Juan Camilo Ortiz era stato condannato a 47 anni e sei mesi per l’assassinio, sempre nel 2015, della giornalista d’inchiesta radio-televisiva Flor Alba Núñez Vargas, avvenuto a Pitalito, nella regione di Hulia.

Segnali incoraggianti, dunque, anche se resta ancora da scoprire chi ha ordinato questi omicidi.

 

Le buone notizie sono pubblicate anche su pressenza.