Egitto: a processo i due poliziotti per l'omicidio di Khaled Mohammed Said - Amnesty International Italia

Egitto: a processo i due poliziotti per l’omicidio di Khaled Mohammed Said

28 luglio 2010

Tempo di lettura stimato: 2'

È iniziato il 27 luglio il processo nei confronti di due agenti di polizia accusati di aver arrestato illegalmente e torturato Khaled Mohammed Said, un uomo di 28 anni di Alessandria. Il 6 giugno, i due poliziotti erano entrati in un internet cafè, avevano fermato Said, lo avevano trascinato fuori e picchiato fino a causarne la morte.

L’autopsia ufficiale ha concluso che Said è morto soffocato per aver ingerito un tubetto di plastica contenente droga e che il suo decesso non era attribuibile alle ferite inflittegli durante e dopo l’arresto. Da più parti, si ritiene tuttavia che si tratti di un tentativo di insabbiare il caso da parte del ministero dell’Interno.

Amnesty International ha sollecitato le autorità egiziane a garantire l’incolumità dei testimoni che prenderanno parte al processo. Il 20 luglio uno di loro, Tamer El-Sayyed Abdelmoneim, è stato aggredito da nove uomini armati di coltello.

(14 giugno 2010) Egypt must investigate brutal killing of young man

(25 giugno 2010)  Egypt urged to drop charges of defamation against activist as repression intensifies