Giorno della Memoria: l'educazione ai diritti umani come strumento per non dimenticare - Amnesty International Italia

Giorno della Memoria: l’educazione ai diritti umani come strumento per non dimenticare

26 gennaio 2009

Tempo di lettura stimato: 2'

Giorno della Memoria: Amnesty International, l’educazione ai diritti umani come strumento per non dimenticare

CS013: 27/01/2009

In occasione del 64° anniversario dell’apertura dei cancelli del campo di sterminio di Auschwitz, il 27 gennaio 1945, riconosciuto come Giorno della Memoria, la Sezione Italiana di Amnesty International rivolge la propria attenzione al mondo della scuola, proponendo a studenti e docenti una serie di attività educative da svolgere in classe per approfondire il tema della Shoah.

Consapevoli del ruolo che l’educazione ricopre nel promuovere la comprensione, la tolleranza, l’amicizia fra i popoli, le culture e le religioni, come sancito peraltro dall’art. 26 della Dichiarazione universale dei diritti umani, confermiamo e rilanciamo il nostro impegno perché quello che è stato il più grave crimine contro l’umanità compiuto nel secolo scorso non venga dimenticato dalle nuove generazioni e, anzi, esse s’impegnino con sempre maggiore determinazione, affinché le parole ‘mai più!’ non vengano gridate invano in Europa così come nel resto del mondo‘ – ha dichiarato Sergio Travi, presidente della Commissione educazione e formazione della Sezione Italiana di Amnesty International.

FINE DEL COMUNICATO                                                            Roma, 27 gennaio 2009

Maggiori informazioni sono disponibili on line.

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell.348-6974361, e-mail press@amnesty.it