Iraq, centinaia di sfollati rimandati a casa con la forza

Iraq, centinaia di sfollati rimandati a casa con la forza

28 agosto 2019

© Amnesty International

Tempo di lettura stimato: 2'

Sebbene le autorità dell’Iraq avessero assicurato ad Amnesty International che ogni sfollato dai luoghi di conflitto sarebbe ritornato su base volontaria, le notizie provenienti da Hamman al-Alil, un campo nei pressi di Mosul, lasciano intendere che questa politica sia cambiata.

Il 28 agosto centinaia di persone, per lo più donne e bambini, sono state caricate sugli autobus e riportate ad Hawija, nella provincia settentrionale di Kirkuk, una città in larga parte in macerie.

Molte di queste persone non hanno più una casa dove abitare e sono destinate ad avere enormi problemi nell’accedere ad acqua potabile, cure mediche e corrente elettrica.

Negli ultimi anni, Amnesty International ha documentato sgomberi, arresti, episodi di violenza sessuale e di discriminazione nei confronti delle famiglie tornate nei luoghi di origine, soprattutto se sospettate di aver avuto legami con lo Stato islamico.

A queste persone vengono spesso negati nuovi documenti d’identità al posto di quelli andati distrutti o smarriti.