Migranti, Amnesty: passi avanti dell'Ue nel colmare le lacune della ricerca e del soccorso nel Mediterraneo - Amnesty International Italia

Migranti, Amnesty: passi avanti dell’Ue nel colmare le lacune della ricerca e del soccorso nel Mediterraneo

1 giugno 2015

Tempo di lettura stimato: 4'

L’aumento delle risorse e dell’area operativa di Triton, confermato dalla Commissione europea che ha presentato ulteriori proposte riguardo all’Agenda europea sulla migrazione, rappresenta finalmente un passo avanti nel colmare le carenze create nelle attività di ricerca e soccorso dalla chiusura della defunta Operazione italiana Mare Nostrum, consentendo di salvare più vite in mare, ha dichiarato Amnesty International.

Con l’aggiunta di risorse per il pattugliamento del Mediterraneo centrale e l’estensione dell’area operativa di Triton al livello della defunta Operazione Mare Nostrum, l’Unione europea ha finalmente riconosciuto l’errore colossale di aver chiuso l’operazione italiana senza averla sostituita con una missione equivalente. In pratica, questo significa essere più attivi in mare, vicino a dove la maggior parte dei rifugiati e migranti, in viaggio su barche sovraffollate e insicure, si trova nei guai e rischia di annegare. E saranno alla fine salvate più vite‘, ha dichiarato Iverna McGowan, direttrice dell’ufficio di Amnesty International presso le istituzioni europee.

Mentre Amnesty International ha accolto con favore il significativo aumento delle capacità di ricerca e soccorso europee, la realtà è che la vita continuerà a essere a rischio. Un approccio veramente globale in materia di migrazione richiede percorsi più sicuri e legali da offrire a coloro che cercano protezione internazionale. Altrimenti le persone continueranno a intraprendere viaggi pericolosi attraverso il Mediterraneo verso l’Europa come ultima risorsa.Una delle misure che Amnesty International ha chiesto è un maggior numero dei posti di reinsediamento per i rifugiati. La Commissione europea ha presentato una proposta sul reinsediamento nel contesto dell’Agenda europea in materia di migrazione.

La proposta per un programma di reinsediamento che coinvolge tutti gli Stati membri, al vertice dei programmi di reinsediamento nazionali esistenti, è una buona idea. Ma i numeri proposti non sono affatto all’altezza di quella che sarebbe una risposta adeguata alla crisi globale dei rifugiati. La Commissione europea ha inoltre proposto un programma di emergenza per sostenere l’Italia e la Grecia attraverso il trasferimento di 40.000 dei richiedenti asilo siriani ed eritrei che arrivano dopo il 15 aprile in questi paesi verso altri stati membri dell’Ue nel corso di un periodo di due anni.

Occorre fare diverse considerazioni pratiche per fare in modo che tali piani garantiscano l’effettiva tutela delle persone vulnerabili.’Ogni proposta di trasferimento fa solo una differenza positiva nella vita di chi ne ha bisogno, se sono migliorate le condizioni di accoglienza, i sistemi di asilo sono rafforzati in tutta l’Ue e la volontà dei richiedenti asilo viene presa in considerazione’, ha affermato Iverna McGowan.

L’estensione delle risorse di Triton lungamente attesa è benvenuta per salvare più vite umane in mare finalmente. Ma molto resta ancora da chiarire sulle modalità dell’annunciata operazione militare e sul destino di coloro che affrontano viaggi pericolosissimi in condizioni drammatiche in mano ai trafficanti‘ ha aggiunto Gianni Rufini, direttore di Amnesty International Italia. ‘La Libia è un paese sia di arrivo che di transito per migranti e rifugiati in fuga dalla povertà, dai conflitti e dalle crisi umanitarie nell’Africa sub sahariana e in Medio Oriente. Ci vogliono percorsi legali e sicuri‘.

Roma, 28 maggio 2015

Per interviste:Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it