Myanmar, accuse di genocidio dei rohingya: Aung San Suu Kyi di fronte alla corte di giustizia internazionale - Amnesty International Italia

Myanmar, accuse di genocidio dei rohingya: Aung San Suu Kyi di fronte alla corte di giustizia internazionale

10 dicembre 2019

Andrew Stanbridge / Amnesty International

Tempo di lettura stimato: 2'

Myanmar, accuse di genocidio dei rohingya: Aung San Suu Kyi di fronte alla corte di giustizia internazionale. Il commento di Amnesty International

Mercoledì 11 dicembre una delegazione di Myanmar interverrà all’Aja, presso la Corte di giustizia internazionale, per rispondere dell’accusa di aver violato la Convenzione delle Nazioni Unite sul genocidio.

La denuncia nei confronti di Myanmar è stata presentata l’11 novembre 2019 dal Gambia, che ha chiesto alla Corte, in attesa della sua pronuncia, di ordinare a Myanmar di adottare “misure provvisorie per proteggere i diritti del gruppo rohingya e impedire ogni azione che possa equivalere o contribuire al reato di genocidio”.

La delegazione di Myanmar sarà guidata da Aung San Suu Kyi, consigliera di stato e capo di stato di fatto.

Ci sono prove schiaccianti che le forze armate di Myanmar abbiano commesso crimini di diritto internazionale e altre gravi violazioni dei diritti umani contro i rohingya. Ciò nonostante le autorità di Myanmar, compresa la stessa Aung San Suu Kyi, continuano a respingere, negare o minimizzare queste accuse“, ha dichiarato Nicholas Bequelin, direttore di Amnesty International per l’Asia.

L’esercito di Myanmar finora è riuscito a evadere la giustizia e continua a commettere violazioni contro altri gruppi etnici del paese“, ha proseguito Bequelin.

Se Aung San Suu Kyi è seria quando dice di voler servire il popolo di Myanmar, allora deve stare al fianco delle vittime e dei sopravvissuti nel perseguimento della giustizia, della verità e della riparazione. Non dovrebbe proteggere coloro che sono sospettati di azioni criminali“, ha concluso Bequelin.